Sardine, Santori dopo il flop di Napoli: “Forse la stagione delle piazze è finita”

Intervenuto al comizio delle Sardine a Pesaro, Santori ammette che la mobilitazione di piazza vista a novembre potrebbe non ripetersi.

Le Sardine sembrano voler mettere una pietra sopra al periodo complesso che hanno vissuto nelle ultime settimane. Dopo il risultato elettorale in Emilia Romagna sembrava che il movimento anti-populista potesse avere un’influenza decisa sull’andamento della politica nostrana, ma dopo quell’appuntamento è stata registrata una netta flessione. Difficile dire cosa abbia portato dalle piazze piene dell’Emilia a quelle semi deserte della Campania, ma una cosa è certa le Sardine ne sono uscite ridimensionate.

Leggi anche ->Santori caccia il leader delle Sardine a Napoli e accusa centri sociali e PaP

Santori inizialmente si è infuriato con i membri dei centri sociali e di Pap per non avergli dato spazio sul palco. Versione che è stata smentita da Bruno Martirani, ex responsabile del movimento a Napoli cacciato proprio dopo il deludente incontro partenopeo. Questo infatti ha sostenuto che nessuno gli ha impedito di salire sul palco, ma che probabilmente è rimasto deluso dalla scarsa presenza di persone. Lo ha scritto su Facebook e ribadito in un’intervista al ‘Fatto Quotidiano‘: “Sta dicendo una bugia ma non ho rancore, mi sentivo in una dimensione asfissiante, bisognava sempre coordinarsi con tutti, ma perché uno che non conosce il territorio dovrebbe dirmi cosa devo fare?”.

Leggi anche ->Sardine e politica, a chi andrà il loro voto? Parla il leader Mattia Santori

Il futuro delle Sardine? Santori da Pesaro: “Forse la stagione delle piazze è finita”

La polemica per le Sardine ed i suoi fondatori è in ogni caso archiviata. Ieri c’è stata una manifestazione a Pesaro in cui sono intervenuti due degli uomini chiave del movimento: Lorenzo Donnoli e Santori. Il portavoce ha spiegato che le manifestazioni non servono per mostrare la forza del movimento o la percentuale di gradimento degli italiani, bensì sono finalizzate: “Per conoscersi nei territori e portare istanze legate al lavoro, ai trasporti e alla società”.

Anche a Pesaro l’affluenza è stata di poche centinaia di persone, ma a differenza di quanto successo a Napoli, Mattia Santori si è presentato sul palco per parlare ai presenti. Il più noto tra i leader delle Sardine ha ammesso: “la stagione delle piazze così come l’ abbiamo conosciuta a novembre forse finirà e forse è già finita”. Ma spiega anche che al momento non è questo che conta poiché l’obbiettivo rimane quello di “Innovare la politica” e combattere il “Mostro del populismo” che la sta distruggendo.