Coronavirus, l’annuncio di Gallera: “Anticiperemo le lauree degli infermieri”

lauree anticipate infermieriAlmeno 150 neo infermieri potrebbero laurearsi prima del tempo. Lo ha annunciato l’assessore Gallera come misura per far fronte all’emergenza Coronavirus

Non solo potrebbero laurearsi con largo anticipo ma avrebbero già un’occupazione da neo laureati. La proposta, che suona come una decisione ormai quasi definitiva, arriva dall’assessore alla Salute della Lombardia Giulio Gallera quale misura per far fronte al dilagare dell’epidemia di Coronavirus che ha colpito anche l’Italia. Almeno 150 infermieri coinvolti, le cui lauree erano previste a Milano nel mese di aprile: “Abbiamo chiesto di anticiparle – ha sottolineato Gallera – per avere a disposizione immediatamente nuovo personale”. In questo modo e grazie alle lauree in teleconferenza già dal 10 marzo “sarà possibile avere oltre 100 nuovi infermieri”. Gallera ha spiegato di aver concordato il tutto con il rettore dell’Università di Bergamo Remo Morzenti Pellegrini.

Gallera agli over 65: “Ridurre la socializzazione”

Sempre dall’assessore è arrivato, nella giornata di oggi, un appello rivolto agli over 65. “Il nostro messaggio – ha dichiarato – è che tutti gli over 65 rallentino il più possibile gli scambi di socializzazione, perché sono i più vulnerabili”. Il prima possibile verranno, ha spiegato, attivati piani di sostegno a loro rivolti per evitare che escano di casa. “Se proteggiamo queste persone questo potrebbe essere risolutivo non solo per loro, ma per il contenimento del virus. Domani con i sindaci svilupperemo un piano: i comuni hanno una competenza e un’esperienza importantissima, basti pensare al ‘piano caldo’ e al ‘piano freddo’, o ai pasti a domicilio”.