Australia: levrieri da corsa contraggono il coronavirus, posti in quarantena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:17

Giunge notizia dall’Australia che un gruppo di levrieri ha contratto il coronavirus e le autorità competenti hanno messo in quarantena l’allevamento.

Secondo quanto riferito dalla Greyhound Racing Victoria, in un allevamento da levrieri da corsa è stata riscontrata un’epidemia di coronavirus canino. Meglio chiarire subito che non si tratta del virus che ha contagiato quasi 90.000 persone nel corso di questi primi mesi del 2020, ma di un tipo differente del virus che causa altri sintomi. I cani che lo contraggono infatti, soffrono di sintomi simili a quelli di una gastroenterite, compresi vomito e diarrea. Questo coronavirus canino è conosciuto sin dal 1970 ed è già certo che non può essere trasmesso agli esseri umani o viceversa.

Leggi anche ->Coronavirus, cucciolo di cane in quarantena a Hong Kong: ecco cosa sta succedendo

Stando a quanto riporta la stampa britannica, l’epidemia è stata riscontrata solo all’interno di un allevamento a Geelong. Le autorità hanno quindi disposto la quarantena degli animali e impedito ai proprietari di fare partecipare quelli che non presentano sintomi alle gare, almeno per 14 giorni. In questi giorni la Greyhound Racing Victoria (federazione che gestisce le corse tra cani nello Stato australiano) ha richiesto alle autorità di controllare che il virus non si fosse diffuso anche nelle altre scuderie. Le corse, dunque, al momento rimangono sospese finché non ci saranno i risultati delle analisi.

Leggi anche ->Coronavirus, primo caso di ‘contagio di ritorno’ in Cina dall’Italia – VIDEO

Coronavirus canino: non si tratta del Covid-19

Già nei giorni scorsi si è parlato della possibilità che il Covid -19 possa essere trasmesso dagli esseri umani agli animali e viceversa. L’ipotesi è stata riproposta dopo che un cucciolo di cane è stato messo in quarantena ad Hong Kong. Pare che il padrone avesse il virus e che il suo cucciolo sia risultato positivo al test. Gli studiosi, però, obbiettano visto che il test effettuato necessita di una conferma e dunque non è possibile affermare che si tratti di Coronavirus, bensì solamente di un virus. Allo stato attuale, infatti, non ci sono evidenze che dimostrino la possibilità di una trasmissione tra le specie.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!