25enne perde la vista dopo essersi fatta tatuare i bulbi oculari: voleva imitare un rapper

Aleksandra Sadowska, 25enne polacca, è diventata cieca dopo essersi fatta tatuare i bulbi oculari di nero per imitare il rapper Popek.

Fan sfegatata del rapper Popek, la 25enne polacca Aleksandra Sadowska ha deciso di imitarlo facendosi tatuare i bulbi oculari di nero. Per farlo si è recata in una bottega per tatuaggi di Wraclow. Ad accettare il compito è stato il tatuatore Piotr, professionista del settore che lavora in un salone per piercing e tatuaggi a Varsavia. Durante il trattamento Aleksandra sentiva un dolore acuto, ma sapeva che poteva essere legato alla delicatezza del punto scelto.

Leggi anche ->Il tatuaggio all’henné s’infetta e brucia il braccio al bimbo, la mamma: “Se ve lo chiedono dite no”

Completato il procedimento, però, ha continuato a sentire dolore ed ha chiesto al tatuatore se fosse normale. Questo le ha risposto di non preoccuparsi e le ha detto di prendere degli antidolorifici. La ragazza ha seguito il consiglio ma il dolore non è mai scomparso e dopo qualche giorno ha perso la vista all’occhio destro. A quel punto si è recata in ospedale, dove i medici le hanno dato pessime notizie: “Purtroppo, per ora, i medici non mi danno molto ottimismo. Il danno è troppo profondo ed esteso, temo di rimanere completamente cieca”. Ciò nonostante Aleksandra non si lascia abbattere: “Non mi chiuderò nel seminterrato e mi deprimerò. Sono triste, ma sono viva”.

Leggi anche ->Chi è Amber Luke, la Donna Drago, ospite a Live Non è La D’Urso

Tatuaggio ai bulbi oculari la rende cieca: 25enne denuncia il tatuatore

Secondo quanto sostenuto dai legali della ragazza, la colpa di questo incidente è da attribuire al tatuatore. Pare infatti che questo abbia commesso diversi errori durante il trattamento, primo tra tutti l’utilizzo di un inchiostro per la pelle: “Esistono prove evidenti che il tatuatore non sapeva come eseguire una procedura così delicata. Eppure ha deciso di andare avanti fino a questa tragedia“. L’uomo, invece, rigetta le accuse a suo carico e sostiene di essersi attenuto alla lettera alla procedura. Denunciato dalla cliente, rischia una pena di 3 anni di carcere per aver reso disabile una persona.