“Movimento Genitori Lombardia” e Coronavirus, parlano le mamme NoVax: “Non faremo il vaccino”

Fanno scalpore le parole delle due rappresentanti del “Movimento Genitori Lombardia” che in un’intervista hanno dichiarato che non si sottoporrebbero alla vaccinazione vaccino contro il Coronavirus

Si chiamano Sara Anzellotti e Veruska Scarpino. Sono rispettivamente il presidente e il vicepresidente del “Movimento Genitori Lombardia” e in questo momento così delicato i loro nomi e le loro dichiarazioni stanno facendo molto discutere. Si tratta di due mamme NoVax che- intervistate sul Coronavirus e sulla possibilità che si trovi un vaccino nel prossimo futuro- hanno risposto che non si sottoporrebbero al vaccino.

Mamme NoVax contro il vaccino per il Coronavirus, l’intervista a due esponenti del “Movimento Genitori Lombardia”

I.: “Un vaccino per il Coronavirus lo fareste?”

S.A.: “No”.

I.: “Mettiamo che Sara e Veruska non si vaccinano, vanno al supermercato e incontrano un uomo di 83 anni anche lui non vaccinato che prende il Coronavirus e muore. Cioè, Veruska e Sara in quel caso cosa dicono? Forse avrei dovuto vaccinarmi?”.

S.A.: “No. Ma non è questione di vaccino o non vaccino. Non voglio essere obbligata a un trattamento sanitario. Può essere anche acqua fresca. Perché io devo sentirmi obbligata a mettermi, a inocularmi un qualcosa perché lo dici tu. Il corpo è mio”.

Inizia così il video di un’intervista pubblicata, due giorni fa, dall’Agenzia Ansa. Protagoniste dell’intervista sono due NoVax di nome Sara Anzellotti e Veruska Scarpino, due donne che sono presidente e vicepresidente del “Movimento Genitori Lombardia”. Lo stralcio che vi abbiamo riportato riguarda le domande che sono state poste alle due donne sul Coronavirus e le risposte che sono state date al loro interlocutore da Sara Anzellotti.

Mamme NoVax contro il vaccino per il Coronavirus: “Il vaccino, secondo noi, non è la risposta”

La loro posizione è chiara: il corpo è mio e ci faccio quello che mi pare e piace, senza che sia nessun altro a dover decidere per me. Ma i tentativi della persona che ha condotto l’intervista di far capire alle due che il corpo è nostro solo nella misura in cui non si arrivi a far del male agli altri sono andati a vuoto.

Certo, però ci vuole comunque che queste tesi siano comprovate. Ci vogliono i numeri. Dati alla mano e allora ne parliamo”, continua la Anzellotti. “I vaccini funzionano, così”, dice il loro intervistatore e la Anzellotti ribatte con un: “Cosa? Che hanno debellato alcune malattie nel passato, che poi alla fine sono state debellate semplicemente con il semplice utilizzo dell’acqua corrente. Però cosa? Cosa cambia?

L’intervista va avanti parlando di “morbillo party” (la pratica di portare i bambini a trovare altri bambini affetti da malattie esantematiche). Quel che è certo è che il vaccino, secondo le due donne, non  la risposta. Ma cosa pensano le due sull’origine del Coronavirus?

È scappato un virus in laboratorio– dice Sara Anzellotti- e si sta cercando di contenerlo. Ripeto, possiamo avere noi la nostra teoria ma ce la teniamo per noi. Quindi, a conti fatti, quando ci saranno delle informazioni in più e delle reali ipotesi da poter presentare ne riparliamo, insomma”.

Maria Mento