Uomo-cervo avvistato nelle foreste, i fanatici del paranormale impazziscono

In Inghilterra si sta diffondendo la voce di strani avvistamenti di un uomo-cervo che popola le foreste del Lincolnshire, sarà vero?

La Gran Bretagna è da sempre una terra in cui i miti e le leggende vengono ritenute reali. Basti pensare che per decenni il mito del Mostro di Lochness ha incuriosito sia i locali che i turisti, contribuendo al successo della località turistica britannica. Non è strano dunque che possano con il tempo aggiungersi altre leggende di questo genere.

Leggi anche ->Aberdeen, scheletro gigantesco ritrovato sulla spiaggia. E’ il mostro di Loch Ness?

Recentemente, infatti, stanno aumentando le testimonianze di persone convinte di aver visto un uomo-cervo. A riportare questi avvistamenti è  Lee Solway, autore del podcast ‘Realms of Supernatural‘, durante il quale parla proprio di fenomeni paranormali, creature mistiche e avvistamenti di fantasmi. Solway ha spiegato al ‘Daily Star Online‘ che in tutti i casi (si parla di 6 avvistamenti nel corso di 40 anni) di un uomo con un folto pelo marrone e delle corna in testa, con degli occhi di un rosso intenso, che cammina su due piedi nel mezzo della foresta.

Uomo-cervo nelle foreste inglesi: suggestione o prova dell’esistenza del dio celtico?

Come sempre in questi casi, gli avvistamenti vanno presi con il beneficio di inventario. Impossibile, in assenza di prove concrete (spesso le fotografie sono sgranate e comunque facilmente falsificabili), dire con certezza che quanto descritto dai testimoni corrisponda a realtà. Per altro nella mitologia norrena – che in Gran Bretagna ha una larga diffusione – si narra dell’esistenza di un Dio che ha proprio le sembianze di un uomo-cervo (per chi non avesse visto Black Spot, la serie parla proprio di questo mito) di nome “Bucca”.

Lee è sicuro che negli avvistamenti da lui raccolti ci possa essere un fondo di verità e dichiara al ‘Daily Mail Online’: “Ha visto una creature sbucare da un campo di grano, guardarlo e quindi dileguarsi, saltando come un canguro”.