Bimbo affetto da una rara patologia viene insultato: “Somiglia ad un Minion”

Un bimbo affetto da una rara patologia è costretto a crescere in mezzo alla malvagità di adulti e bambini che ne insultano l’aspetto fuori dalla norma.

Per un bambino che, a causa di una patologia di vario genere, presenta un aspetto differente dal solito, il rapporto con le altre persone può essere complicato. Presto si rende conto che gli estranei lo guardano in maniera differente e comprende che sono ostili nei suoi confronti. Con simili comportamenti hanno imparato a convivere i genitori di Logan, bimbo appena nato che soffre della sindrome di Alagille. Si tratta di una rara patologia che comporta il malfunzionamento del fegato, incapace di fare funzionare la bile. La conseguenza più visibile è una pelle di un colore intensamente giallo.

Leggi anche ->Non può urinare da tre anni: ragazza colpita da una rara patologia

Intervistata da ‘Metro.co.uk‘, la mamma del piccolo (Gemma Channing), spiega che ormai trova difficoltoso anche andare fuori per una passeggiata: “Le persone mi hanno sempre chiesto che problema avesse o che dovrei portarlo in ospedale perché ha l’ittero”. Ma quelle peggiori sono le persone che si permetto di fare commenti negativi e perfidi: “Abbiamo incontrato un sacco di persone che hanno detto cose negative come chiedere perché avesse l’aspetto di un minion, o che somigliava a Shrek oppure al Grinch“.

Leggi anche ->Bimbo affetto da una patologia rarissima. Gli adulti lo bullizzano per il suo peso

Bimbo affetto da una rara patologia: “Una donna mi ha obbligato ad aspettare l’ambulanza”

L’episodio forse più imbarazzante raccontato dalla donna, riguarda quella volta in cui lei, il marito ed il piccolo Logan erano usciti per un pranzo fuori. Tutto era andato per il meglio, ma mentre si incamminavano per tornare a casa una donna ha richiamato la loro attenzione: “Eravamo appena saliti sulla macchina ed una donna ha bussato con veemenza sul finestrino. Invece di chiederci qualcosa su Logan, aveva chiamato i paramedici per farlo assistere. Ha continuato a ripetere che saremmo dovuti andare all’ospedale perché era chiaro che fosse malato. Abbiamo cercato di spiegarle, ma è stato inutile”. Alla fine tutto si è chiarito con i paramedici che hanno compreso la situazione, ma per Gemma: “E’ stato davvero imbarazzante”.

Davide Colono