“Defender Europe 20”, 20mila soldati statunitensi in Europa: le teorie complottiste e gli ultimi sviluppi

Gli Stati Uniti hanno preparato un’esercitazione che avrebbe dovuto coinvolgere circa 20mila soldati e che si sarebbe dovuta tenere in Europa. Questo dispiegamento di forze ha fatto molto discutere, ma ora pare che ci sia un dietrofront per la paura del potenziale contagio

Defender Europe 20”: è stata chiamata così una serie di esercitazioni militari annunciate pubblicamente nell’ottobre del 2019 e che avrebbero dovuto portare in Europa una massiccia presenza di forze militari statunitensi (tra i 20 e i 30mila soldati nel periodo compreso tra aprile e maggio). Se ne è parlato molto, in questi giorni, perché hanno iniziato a circolare delle teorie complottiste legate alla Russia e al Coronavirus.

Secondo quanto riportata dalla CNN, però, l’ultima esercitazione prevista per questo periodo dell’anno è stata cancellata e non ci sarà. Il motivo? La paura che i militari, arrivando in Europa, possano contrarre il Covid-19. Ricordiamo che proprio ieri è arrivato l’annuncio ufficiale dell’OMS che ha elevato l’epidemia al grado di pandemia, e che in Italia il Governo ha varato delle nuove misure restrittive.

“Defender Europe 20”, le teorie complottiste sull’esercitazione militare statunitense: dalla Russia al Coronavirus

Il messaggio, sul presunto complotto, che sta facendo il giro di WhatsApp

Le esercitazioni militari note con il nome di “Defender Europe 20”, annunciate nel corso dello scorso ottobre e quasi in procinto di iniziare, prevedevano un dispiegamento di forze statunitensi mai visto in Europa da 25 anni a questa parte. Ne parliamo al passato perché, a quanto pare, i circa 20mila soldati che sarebbero dovuti sbarcare a breve sul continente, per una delle esercitazioni che era prevista a breve, non arriveranno più: l’operazione pare sia stata annullata. Ma procediamo con ordine.

La diffusione capillare del Coronavirus ha dato vita a delle teorie complottiste che hanno iniziato a circolare in chat e che riguardano proprio il programma “Defender Europe 20”. Una delle teorie che ha iniziato a circolare su WhatsApp relativamente a questa “strana” presenza militare USA nel Vecchio Continente coinvolge direttamente la Russia di Putin, eterna rivale degli States.

Secondo questa ipotesi Trump avrebbe trovato il modo di colpire la Russia utilizzando la pandemia da Coronavirus per mascherare i suoi intenti. Ancora, si è detto che i soldati USA abbiano a disposizione il vaccino atto a contrastare il Covid-19, ma sappiamo bene che ancora il vaccino non è stato prodotto.

“Defender Europe 20”, l’esercitazione è stata annullata: paura per un possibile contagio dei militari

Ieri è arrivato l’annuncio dell’annullamento dell’esercitazione, che avrebbe coinvolto non solo Stati Uniti ma anche altre Nazioni europee (per un totale di 18, tra cui Belgio, Norvegia Danimarca, Francia, Finlandia, Germania, Svezia, Regno Unito e Paesi Bassi). Il motivo riguarda l’allarme, crescente, che esiste a causa del Coronavirus.

La decisione è una misura precauzionale in risposta allo scoppio in corso di COVID-19, per proteggere la salute e la sicurezza di tutti i partecipanti e della popolazione locale. La salute della nostra forza continua a essere una priorità assoluta e ci impegniamo a mantenere la prontezza della missione“, ha fatto sapere tramite una nota il Comando Europeo degli Stati Uniti (l’organo che sovrintende alle operazioni militari statunitensi in Europa).

Il personale militare americano, come spiega la CNN, ha diminuito i suoi movimenti in Europa, Asia e Medio Oriente al fine di contenere le possibilità di contagio. Non è escluso che in futuro possano arrivare ulteriori restrizioni per i corpi militari.

Maria Mento