Coronavirus, Nord Italia come la Cina: le immagini catturate dal satellite mostrano meno smog

Lo stop del Nord Italia osservato dal satellite: come in Cina, anche in Lombardia e regioni limitrofe si assiste a una diminuzione della concentrazione di smog

Qualche settimana fa avevamo parlato dello straordinario effetto che la chiusura della regione di Hubei aveva avuto sulla riduzione dello smog in Cina.

Adesso, la quarantena e la chiusura forzata di molte attività commerciali sta avendo lo stesso effetto sul Nord Italia: dal satellite è stata osservata una significativa riduzione della “nuvola rossa” che indica le zone del Bel Paese in cui l’atmosfera è maggiormente inquinata.

Nord Italia meno inquinato, il confronto con le foto scattate dal satellite tra il 14 febbraio 2020 e l’8 marzo 2020

Corrono sui social le immagini che mostrano una diminuzione dell’inquinamento sul Nord Italia. Le immagini, catturate dal satellite Sentinel-5 (progetto Copernicurs) dell’ Agenzia Spaziale Europea, sono state diffuse su Twitter da Santiago Gassò (Università di Washington ed esperto della Nasa). Esse mostrano, come riporta anche GreenMe, che c’è una sensibile riduzione dei livelli di biossido di azoto nell’atmosfera: il biossido di aoto è un marcatore dell’inquinamento.

Le immagini che sono state postate, per poterle confrontare tra loro, sono quattro e mostrano la situazione come si presentava nelle giornate del 14 febbraio, 24 febbraio, 4 marzo e 8 marzo (le settimane, cioè, caratterizzate dall’esplosione dell’emergenza da Covid-19 in Italia). La differenza esistente tra l’immagine catturata il 24 febbraio e quella catturata 5 giorni fa è evidente: la nuvola rossa visibile sul Nord Italia è diventata meno marcata.

Nord Italia meno inquinato, pioggia e vento hanno aiutato

A notare la riduzione della concentrazioni del biossido di azoto, gas emesso da veicoli a motore e dalle strumentazioni industriali, sono stati i sensori Troponimi (Tropospheric Monitoring Instrument) montati sul satellite.

Ma non solo Coronavirus: il miglioramento relativo ai livelli di smog è stato aiutato anche dalle condizioni climatiche favorevoli. La pioggia e il vento hanno aiutato a ripulire l’aria e a disperdere le polvere fini, l’ammoniaca e gli ossidi di azoto.

Maria Mento