Coronavirus, muore un 38enne: è la vittima più giovane, lo strazio dei familiari

stefano amighetti coronavirusIl coronavirus ha cominciato a fare vittime anche tra i giovani. 

E’ il caso di Stefano Amighetti, il 38enne deceduto a causa del virus che ha costretto il governo italiano ad imporre drastiche misure di sicurezza in tutto il territorio nazionale.

Stefano, finora, è la vittima più giovane del coronavirus. Il 38enne, che viveva a Manerbio, comune della provincia di Brescia, era affetto da disabilità e aveva già accusato in passato dei problemi a carico dell’apparato respiratorio. I familiari di Stefano sono distrutti dal dolore, anche perchè al momento non è nemmeno possibile svolgere un funerale degno di questo nome per il povero ragazzo.

L’educatore 51enne è riuscito a sconfiggere il coronavirus

Stando a quanto riportato da Inews, la salma di Stefano Amighetti verrà portata direttamente al cimitero. Una volta lì, si terranno le esequie in forma strettamente privata.

“Io sento in me la tua pace, la gioia che tu solo dai. Attorno a me io sento il cielo, un mondo di felicità”, si legge nel necrologio dedicato a Stefano, pensato da mamma Giovanna, papà Bruno e la sorella Sara.

Stefano ha contratto il coronavirus all’interno della cooperativa per disabili “Il Gabbiano di Pontevico”, nel bresciano. Il primo caso di Covid-19, un educatore 51enne, sta bene ed è riuscito a superare la malattia.