Coronavirus, la Francia rivela: gli antinfiammatori possono aggravare i sintomi del Covid-19

AVVISO A TUTTI I LETTORI: IL CONTENUTO DEL PRESENTE ARTICOLO È STATO SMENTITO DA UN COMUNICATO EMANATO DALL’EMA, L’AGENZIA EUROPEA DEI MEDICINALI. A QUESTO LINK POTRETE REPERIRE SIA LA NOTIZIA DELLA SMENTITA SIA IL LINK PER ACCEDERE ALLA NOTA DELL’AGENZIA

La Francia, tramite il Ministro della Salute Olivier Véran, ha spiegato quali farmaci possono aggravare il Coronavirus nei pazienti colpiti dal nuovo Covid-19

Sì al paracetamolo, no all’ibuprofene o al cortisone. La Francia ha dato delle indicazioni molto importanti per contrastare il Coronavirus, spiegando che ci sono dei farmaci che anziché contrastare il Covid-19 potrebbero addirittura far peggiorare il decorso della malattia. Tra questi farmaci sconsigliati ci sono dei comuni antinfiammatori ampiamente utilizzati, come Moment e Oki. Tra i farmaci che invece si possono assumere c’è invece la Tachipirina. Ovviamente (ribadirlo è sempre cosa utile) si tratta di farmaci che vanno assunti solo in caso di reale necessità e solo dopo aver consultato il proprio medico curante.

I farmaci da non assumere in caso di Coronavirus, su Twitter il Ministro della Salute francese spiega cosa potrebbe aggravare la condizione clinica dei malati

Prendere anti-infiammatori (ibuprofène, cortisone…) potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione. In caso di febbre, prendete del paracetamolo. Se siete già sotto anti-infiammatori o in caso di dubbio, chiedete consiglio al vostro medico”.

Così, con un post pubblicato su Twitter, il Ministro della Salute francese Olivier Véran ha dato delle indicazioni importanti sui farmaci che è rischioso assumere in caso di positività al Coronavirus.

In Francia- come riporta Fanpage.it– sono state già prese delle misure atte a contrastare l’uso spropositato di alcuni di questi farmaci, e infatti proprio da gennaio 2020 l’ibuprofene è acquistabile oltralpe soltanto dietro presentazione di apposita ricetta medica. Pare che anche aspirina e paracetamolo siano nocivi per la salute, e questo a prescindere dal Coronavirus: se assunti in grandi quantità possono arrecare danni al fegato.

I farmaci da non assumere in caso di Coronavirus, i farmaci possono nascondere i sintomi ed essere causa del ritardo nella diagnosi

Assumere farmaci non è deleterio perché, come abbiamo appena visto, ce ne sono alcuni che peggiorano i sintomi da Coronavirus. Assumere antiinfiammatori ci mette in pericolo perché i farmaci potrebbero temporaneamente mascherare i sintomi di una patologia seria, che quindi potrebbe così essere diagnosticata in ritardo. E in molti casi una diagnosi tardiva porta a drammatiche conseguenze. Dunque, tutti noi siamo chiamati a fare attenzione e a evitare di tenere comportamenti leggeri da questo punto di vista.

Maria Mento