Coronavirus, cambia l’autocertificazione: spunta la voce sulla quarantena. Ecco il nuovo modulo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40

Il Ministero dell’Interno ha apportato una modifica all’autocertificazione, aggiungendo l’obbligo di dichiarare se si è in quarantena: ecco il modulo.

Nei giorni scorsi sono state numerose le persone che sono uscite in strada violando l’obbligo di rimanere in casa per chi è stato posto in quarantena. Onde evitare che simili imprudenze vengano compiute nuovamente, il Ministero ha approvato una modifica al modulo di autocertificazione. Adesso gli italiani dovranno compilare un’ulteriore voce con la quale dichiarano di non dover essere soggetti alla quarantena.

Leggi anche ->Coronavirus, sul sito del Ministero dell’Interno l’autocertificazione da scaricare e compilare in caso di spostamenti

Come tutti sapranno, non si può uscire di casa qualora si sospetti di avere il coronavirus, si è risultati positivi al Covid-19 o si è stati a contatto con qualcuno che è risultato positivo. Nel modulo bisognerà quindi indicare che non si è soggetti agli obblighi derivanti dalla quarantena. Come per il modulo precedente, quest’ultimo dovrà essere compilato dal cittadino e, questa è una novità, dovrà essere controfirmato sul momento dall’agente che ha effettuato il controllo.

Leggi anche ->Coronavirus, morti due impiegati delle Poste a Bergamo: “Chiudete gli uffici postali” – VIDEO

Ecco il link dal quale potete scaricare il nuovo modulo

Coronavirus: ben 27.500 i cittadini denunciati per aver violato il decreto

Nel corso di questa prima settimana di restrizioni in tutta Italia, sono stati effettuati dalle forze dell’ordine 650.000 controlli. Attraverso questi ben 27.500 cittadini sono stati trovati fuori dalle proprie abitazioni senza una reale necessità per farlo e dunque denunciati per tal motivo. Bisogna ricordare ai cittadini che chiunque venga trovato fuori di casa nonostante gli obblighi derivanti dalla quarantena potrebbe rischiare fino a 12 anni di carcere con l’accusa di concorso colposo in epidemia. Le sanzioni di questi giorni hanno riguardato anche 1.100 esercizi commerciali trovati aperti in violazione del decreto o dove  non venivano fatte rispettare le distanze.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!