Coronavirus, come funziona il bonus da 600 euro per autonomi e partite iva?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:14

come richiedere bonus partite ivaEmergenza coronavirus, bonus di 600 euro per autonomi e partite ive. Ecco cos’è, come funziona e come richiedere il contributo per il mese di marzo 2020

L’emergenza coronavirus ha provocato un notevole contraccolpo economico per quanto riguarda l’economia italiana ed il lavoro. E a farne le spese, tra gli altri, vi sono centinaia di migliaia di autonomi e partite iva, che si sono visti ridurre o addirittura azzerare il fatturato da un giorno con l’altro. Il Governo è prontamente intervenuto con un maxi decreto Cura Italia contenente oltre 120 articoli, per far fronte al disastro economico provocato dalla diffusione del virus in Italia, con una serie di misure per le diverse categorie di lavoratori con aiuti per 25 miliardi di euro e mobilitando finanziamenti per 350 miliardi. Includendo dunque anche le partite Iva per le quali è previsto un bonus da 600 euro, una tantum, per il mese di marzo 2020. Al momento non è chiaro, seppur molto probabile, se tale bonus verrà riproposto anche per il mese di aprile, ma nel frattempo è possibile richiederlo.

Cos’è il bonus di 600 euro per le partite iva. Come si richiede

Secondo quanto riportato nel decreto Cura Italia, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e sottolineato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, è prevista dunque una tantum per “i lavoratori autonomi, professionisti, partite Iva, stagionali, settore agricolo, turismo, lavoratori in stabilimenti termali e nel settore dello spettacolo”. L’indennità è stata aumentata a fronte delle proteste dei lavoratori autonomi e con successivi decreti dovrebbe essere prorogata: di fatto “è riconosciuto un indennizzo di 600 euro, su base mensile, non tassabile, per lavoratori autonomi e partite Iva”. Almeno 5 milioni di persone potrebbero dunque richiederlo. Ma come si richiede? Dovrà essere richiesto all’Inps che si occuperà di monitorare la spesa erogando l’indennità mensile. Bisogna dunque attendere la circolare Inps nella quale saranno riportate nel dettaglio le modalità di presentazione della richiesta, che con tutta probabilità dovrà essere effettuata telematicamente.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!