Coronavirus, il governo britannico pensa al “reddito di emergenza”. 1000 sterline per aiutare le famiglie

reddito emergenza coronavirus Il governo britannico potrebbe erogare una somma in contanti a tutte le famiglie per fronteggiare l’emergenza coronavirus.  

Con l’avanzata della pandemia, sono migliaia i lavoratori britannici già senza lavoro e sul punto del tracollo dal punto di vista economico ed emotivo. Per questo motivo, il governo britannico potrebbe distribuire fino a 1.000 sterline al mese a tutte le famiglie.

Un gruppo di 500 accademici ha firmato una lettera aperta al governo, che è stata pubblicata dalle più importanti testate inglesi, tra cui il Daily Star Online.

“È tempo che i governi promulghino un reddito di base universale di emergenza, assicurando che tutti nella loro giurisdizione abbiano abbastanza soldi per acquistare il cibo e altri elementi essenziali di cui hanno bisogno per sopravvivere”, si legge nella lettera.

La spesa complessiva per il governo inglese sarebbe di 66 miliardi al mese

I ministri stanno prendendo seriamente in considerazione la possibilità del “reddito di base universale”. Le famiglie potrebbero precipitare presto in una situazione di forte povertà e non si possono escludere proteste e disordini.

Ma quanto costerebbe alle casse dello Stato questo enorme sforzo? Daniel Susskind, economo dell’Università di Oxford, suggerisce che un pagamento in contanti pari a 1.000 sterline a persona significherebbe una spesa complessiva di 66 miliardi al mese.

L’idea è stata sperimentata in altri paesi del mondo, tra cui Finlandia, Canada e Paesi Bassi, con alterne fortune. Anche Irlanda e Danimarca hanno annunciato soluzioni di questo tipo per fronteggiare la minaccia Covid-19.