Coronavirus, il medico che smentisce i dati del Governo: “Il numero dei malati non è veritiero. Molti casi non sono stati individuati”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:09

Fabrizio Lucherini

Fabrizio Lucherini, Medico responsabile del servizio di diagnostica per immagini al Nomentana Hospial, ha fatto un video in cui contraddice il Governo sul numero dei malati

I dati diffusi dal Governo italiano sui pazienti attualmente affetti da Coronavirus non sono veritieri, o quantomeno non sono assoluti. Questo perché si conteggiano soltanto i malati che è stato possibile sottoporre all’esame del tampone, mentre si trascurano altri malati che non sono rintracciabili perché asintomatici (quindi, in apparenza, sani) o altri malati che hanno lamentato di stare male e per i quali si è deciso di non attivare l’apposita trafila.

In sostanza: i contagiati dal Coronavirus in Italia sono molti di più di quanto non dicano le cifre ufficiali, che fanno riferimento soltanto ai pazienti per i quali i medici hanno accertato la positività. E tutti gli altri? Semplicemente, è impossibile arrivare a registrare ogni singolo caso presente sul nostro territorio.

Ne consegue, dunque, che partendo da un “errore” di calcolo di base così evidente sia anche impossibile lanciarsi in statistiche che restituiscano un quadro oggettivo della situazione. Questo è il concetto che ha voluto ribadire Fabrizio Lucherini, Medico responsabile del servizio di diagnostica per immagini al Nomentana Hospial che ha realizzato un video poi postato su Facebook.

Il medico che contesta i dati del governo sui contagi, parla Fabrizio Lucherini: “Non sappiamo quanti realmente siano i malati”

Ciao amici, credo che come me abbiate visto il telegiornale, quindi avete letto, vi siete impauriti, vi siete giustamente messi (tanto per cambiare) paura. Io stasera sono veramente inca**ato nero e ve lo dico dal mio isolamento, per cui: chi più di me ve lo può dire? Intanto: questi dati sono falsi! Sono falsi perché tu un rapporto tra chi guarisce e chi muore lo fai soltanto se hai la certezza di quanti sono i malati. Se tu non fai i tamponi a tutti non puoi sapere chi muore e chi campa esattamente. (…) La mia storia di sintomatico, di medico a contatto te lo dimostra. Di me non sa un c***o nessuno. Io non rientro nei numeri, e probabilmente sono un contagiato, e quindi che- mi auguro- ce l’ha fatta (…)”.

Inizia così un video della durata di circa 7 minuti pubblicato su Facebook dal medico Fabrizio Lucherini, in forze al Nomentana Hospital. Il medico si è scagliato senza mezze misure contro i dati sul Coronavirus diffusi dal Governo italiano: dati che lasciano il tempo che trovano perché non tengono conto di tutte le variabili possibili (ci sono anche gli asintomatici che continuano a contagiare gli altri, i malati a cui non si è fatto il tampone) ma soltanto dei malati ricoverati e dichiarati positivi al Covid-19.

Il medico che contesta i dati del governo sui contagi, la chiusura dell’Italia causata dai tagli alla Sanità?

Non è così che si fanno le cose per bene. Se fai i tamponi a tutticontinua il medico e ti muore il 30%, puoi dire che la mortalità è il 30%, ma se fai il tampone soltanto a ‘sti cadaveri che ti arrivano che ormai c’hanno 39 di febbre, tosse pazzesca, difficoltà respiratorie e più di 80 anni e muoiono, poi in televisione ti vengono a raccontare ‘sta str*****a. Noi medici probabilmente contagiati se guariremo non rientreremo nelle statistiche. Mettetevi in testa che alla fine di tutta questa storia la mortalità di questo c***o di virus arriverà all’1-1,5%. Questa è la verità, perché non abbiamo idea di quanta gente è malata. (…)“.

Secondo Lucherini, la decisione di chiudere il Paese presa dal Governo non deriva dalla pericolosità del virus ma dal fatto che- avendo tagliato a dismisura le risorse della sanità italiana– oggi le strutture ospedaliere italiane non sono in grado di poter effettuare il tampone su tutti. Diversamente da quanto fatto da Cina, Corea e da quanto sta attualmente facendo la Germania.

Questo il motivo dei dati fallaci (o comunque validi esclusivamente se dobbiamo parlare dei casi effettivamente accertati) trasmessi dal Governo italiano sui contagi: la scelta di non sottoporre a tampone gente che probabilmente ha contratto il Covid-19.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!