Ragazza americana positiva al coronavirus. Era stata in Italia a fine febbraio: “Sintomi strani”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:39

coronavirus italia ragazza Una giovane donna è risultata positiva al coronavirus nonostante non avesse i sintomi classici. 

Il contagio da COVID-19 si presenta in genere con tosse secca, mancanza di respiro e febbre: caratteristiche che lo rendono differente da un raffreddore e dalla normale influenza stagionale.

Ma Julia Buscaglia, 20 anni, racconta al Daily Star Online che la sua esperienza è stata molto diversa.

“Non volevo condividere la mia storia, ma ora che vedo altri riferire sintomi molto diversi dai miei, sento che è importante raccontare a tutti la mia esperienza”, ha scritto in un post su Twitter diventato ormai virale.

La ragazza americana racconta la cronologia della sua malattia, a partire dal 29 febbraio, quando si trovava in vacanza proprio qui in Italia.

“La testa mi batteva forte, le orecchie mi pulsavano e mi sembrava di avere la gola in fiamme. Avevo dolori in tutto il corpo, i brividi e la febbre. Ho preso l’antiinfiammatorio e sono rimasto a letto l’intera giornata”.

“Rimanete tutti in casa, anche voi giovani”

Nell’ultimo giorno di vacanza in Italia, la ragazza aveva perso gusto e olfatto, senza avere il naso che colava o la tosse.

Quando è rientrata negli USA, nessuno le ha chiesto dove fosse stata. “Nemmeno alla dogana”, racconta la giovane.

“Sono rimasta in quarantena dal 5 al 13 marzo. Ho avuto contatti con solo due persone”, ha detto Julia, che il 13 marzo ha fatto finalmente il tampone per verificare l’eventuale contagio da COVID-19.

“Non volevo – spiega – ma la mia famiglia lavora nell’assistenza sanitaria e volevano tutti essere sicuri prima di tornare al lavoro”. Il giorno dopo ha ricevuto una telefonata che le diceva di essere risultata positiva al coronavirus.

Julia sta invitando tutti a rimanere in casa, compresi i giovani.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!