Coronavirus, la Germania accoglie 6 pazienti italiani dopo lo sblocco delle tute protettive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:20

Coronavirus, Angela MerkelBel gesto di solidarietà della Germania nei confronti dell’Italia: dopo la polemica sul blocco delle tute il governo teutonico accoglie 6 pazienti italiani.

Solamente pochi giorni fa l’Italia e tutta l’Unione Europea avevano attaccato duramente la Germania per il blocco delle tute e delle mascherine destinate all’Italia. Il governo tedesco aveva imposto il blocco alle frontiere per ragioni burocratiche, stop che è stato rimosso subito dopo che sono giunte le proteste veementi dell’Italia. Già nei momenti successivi al brutto incidente diplomatico, il parlamentare Marian Wendt (Cdu) si era mosso per smuovere alcuni blocchi burocratici e permettere ad alcuni pazienti italiani di essere accolti in Germania.

Leggi anche ->Ibuprofene e altri farmaci sconsigliati in chiave Coronavirus? Era una fake news: c’è la smentita dell’Ema

Il lavoro politico svolto da Wendt in questi giorni, oggi mostra i suoi frutti: la Sassonia (regione da cui proviene) ha aperto le porte a 6 pazienti italiani provenienti dalla Regione maggiormente colpita, la Lombardia. Si tratta del primo Paese europeo ad offrire un aiuto di questo tipo al nostro, in quella terrificante lotta contro una pandemia che da noi ha avuto un terreno purtroppo fertile.

Leggi anche ->Coronavirus, Matteo Salvini contro Giuseppe Conte: “Lui solo al comando. Ma il Parlamento vuole lavorare”

Coronavirus: altri Paesi seguiranno l’esempio della Germania?

Il lavoro del parlamentare, riuscito oggi grazie alla collaborazione dell’ambasciatore tedesco a Roma – ed al lavoro coordinato tra la Lombardia e Lipsia –, potrebbe aprire una strada virtuosa. Compatibilmente con il numero di strutture a disposizione e con la curva di crescita del virus, gli altri Paesi membri dell’Ue potrebbero offrire un simile aiuto alla Lombardia, sgravandola di un carico di pazienti troppo grande per essere gestito. Se un tale scenario dovesse verificarsi ci troveremmo di fronte al primo grande segnale che l’Europa è davvero unita, specialmente nei momenti di difficoltà.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!