Maialino mutante nasce con proboscide, il video in cui lotta per la vita è straziante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:27

In uno straziante video pubblicato da ‘Asia Wire’ si vede un neonato maialino mutante con una proboscide che lotta per sopravvivere.

Le immagini di maialino appena nato hanno catturato l’attenzione del web. Il piccolo animale, infatti, è nato con un difetto genetico che difficilmente si è visto prima. Il maialino al posto del classico naso della sua specie ne presenta uno allungato che somiglia alla proboscide di un elefante. Nel video, pubblicato da ‘Asia Wire‘, si vede come il cucciolo faccia fatica a respirare e debba tenere la bocca aperta per fare entrare aria nei suoi polmoni.

Leggi anche ->Cina: virale la foto del maialino sorridente salvato da un’alluvione

Non è chiaro se il maiale mutante sia riuscito a sopravvivere successivamente alla registrazione del video. Solitamente, infatti, i cuccioli che nascono con deformità così evidenti riescono a sopravvivere poche settimane. Addirittura nella maggior parte dei casi nascono morti. Non di rado, però, si vedono testimonianze di queste mutazioni genetiche, l’ultima delle quali si era verificata in Venezuela. In quel caso il maialino aveva un volto dalle fattezze umane.

Leggi anche ->Maiale dal volto umano nasce in Venezuela, le foto sono diventate virali

Maialino con la proboscide, proprietario stupefatto: “Mai visto nulla di simile”

A mettere online il video è stato il nipote dell’allevatore  a cui appartiene la cucciolata. Durante le immagini l’uomo, Fan Meiling, spiega di non aver mai visto in vita sua nulla del genere: “E’ stato molto strano. E sembra che chiunque altro la pensi così”. Al momento la causa della mutazione dell’animale è sconosciuta ma l’allevatore è convinto che si possa trattare di un effetto collaterale dell’utilizzo costante di pesticidi. Tale ipotesi è stata sollevata anche nel caso del mese scorso riguardante il maiale dalle sembianze umane.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!