Super virus creato nei laboratori cinesi nel servizio del 2015 di Leonardo. Ecco perchè non è il coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:44

servizio tgr leonardoCoronavirus: spunta video del Tgr Leonardo sulla creazione di un virus in laboratorio, ecco perchè non è il Sars-Cov-2

In queste ore è tornato a circolare sulla rete un servizio “choc” realizzato dal Tgr Leonardo dedicato alla creazione, a partire da pipistrelli e topi, di un virus polmonare in grado cioè di colpire direttamente le cellule polmonari dell’uomo. Inevitabile per molti cittadini che lo hanno visto in questi giorni associarlo al coronavirus che, stando a ipotesi scientifiche, potrebbe essere nato proprio da un pipistrello. Nel servizio viene spiegato dal conduttore Daniele Cerrato il processo di creazione del supervirus per motivi di studio ed in tantissimi hanno immediatamente immaginato che in questo video si parlasse di una sorta di ‘antenato’ del Sars-Cov-2. Ma ad oggi nulla collega il nuovo coronavirus ai topi ed il virus del quale si parla nel servizio non può avere nulla a che fare con il nuovo coronavirus, oltre a non rappresentare una prova del fatto che il Sars-Cov-2 sia stato creato in laboratorio.

Perchè il coronavirus non è stato creato nei laboratori cinesi nel 2015

Il servizio è andato in onda il 16 novembre del 2015 e si sostiene che “Alcuni scienziati in Cina” abbiano “creato un supervirus polmonare solo per motivi di studio” sottolineando che si tratterebbe dell’innesto di una proteina presa dal virus di un tipo specifico di pipistrelli sul virus della Sars ricavata dai topi. Proteina che, recita il servizio, sarebbe rimasta confinata nei laboratori nei quali è stata data forma al cosidetto virus chimera, un organismo modificato che attraverso la molecola SHC014 potrebbe attaccare direttamente i polmoni umani. Non si tratta propriamente di una fake news ma è assolutamente inesatto associare questo servizio al coronavirus e tanto più al fatto che possa essere stato creato in laboratorio. Anche perchè il genoma del Sars-Cov-2 è stato reso noto al pubblico con la massima trasparenza e nessuno ad oggi ha trovato prove concrete di “ingegnerizzazione”. Esistono anche studi a riguardo come quello riportato sulle pagine di Emerging Microbes & Infections: “Non vi è evidenza credibile a sostegno delle affermazioni riguardanti l’ingegnerizzazione in laboratorio del Sars-Cov-2. E ancora è intervenuto il docente alla Templey University Enrico Bucci per smentire che il coronavirus non sia in alcun modo quello che i cinesi hanno creato in laboratorio nel 2015 e che, come confermato dall’epidemiologo, non aveva capacità epidemica mentre il Covid-19 sarebbe il risultato di una selezione naturale.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!