Coronavirus, è ancora Bolsonaro-delirio contro l’Italia: “Chi resta a casa è codardo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:59

Coronavirus, Jair Bolsonaro

Il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha ancora qualcosa da dire all’Italia sulla gestione dell’emergenza Coronavirus. Dopo le parole sui decessi nel Nostro Paese, Bolsonaro è arrivato a bollare come codardo chi rimane a casa

Chi rimane a casa è un codardo. Ce l’ha ancora con l’Italia, il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro, e con il tipo di gestione dell’emergenza da Coronavirus che il Governo Conte ha deciso di adottare. Bolsonaro la pensa come Trump, ed entrambi sono concordi nel dire che l’economia non si può fermare a causa di una pandemia.

Donald Trump ha deciso di blindare il Paese, ma scalpita già per far tornare gli USA pienamente attivi su tutti i fronti. “Non lasceremo che la cura sia peggiore del problema. Alla fine di questo periodo di 15 giorni, prenderemo una decisione“, ha detto nelle scorse ore il Tycoon. Linea che, come anticipato, intende seguire anche Bolsonaro, il quale sembra avere delle idee abbastanza chiare (ma totalmente in contrasto con quelle italiane).

Bolsonaro attacca ancora l’Italia: “L’economia non si deve fermare. Chi resta a casa è codardo”

Dal momento che il Coronavirus mette a rischio solamente gli anziani (cosa che, tra l’altro, è stata smentita dai fatti) non c’è motivo di sospendere le elezioni scolastiche in Brasile. Bisogna provvedere a mettere in atto un isolamento di tipo verticale, che sia capace di coinvolgere esclusivamente le persone a rischio come gli anziani o i malati. Lo ha detto il Presidente Jair Bolsonaro, chiarendo la sua intenzione di non voler fermare l’economia del Paese per combattere contro il Coronavirus, e lo riporta Il Manifesto.

Le nostre vite devono andare avanti”, ha dichiarato e contemporaneamente ha lanciato l’invito a non seguire la strada del blocco dei commerci e del confinamento di massa. Bolsonaro aveva in precedenza attaccato i giornalisti, a suo dire colpevoli di aver provocato un’isteria collettiva per quella che lui stesso ha definito essere una semplice “gripezinha”, una “febbriciattola”. Il Presidente brasiliano non è nuovo a  simili attacchi e ne aveva dato dimostrazione già durante il dramma degli incendi che nel 2019 ha colpito la foresta Amazzonica.

Adesso, con le sue ultime dichiarazioni, è tornato ad attaccare l’Italia con un generico (ma non tanto) “restare a casa è da codardi. Questo nonostante le misure di contenimento adottate dal nostro Paese siano diventate un modello da imitare e siano state anche elogiate dall’OMS.

Bolsonaro attacca ancora l’Italia, le precedenti dichiarazioni: “Nel Bel Paese più morti? È un Paese con tanti vecchi”

Le ultime dichiarazioni di Bolsonaro arrivano dopo quelle sul numero di vittime mietute dal Coronavirus nel nostro Paese che, circa una settimana fa, avevano sollevato un vespaio. Le parole incriminate sono state pronunciate nel corso di una conferenza stampa indetta per spiegare quali misure in senso anti-Covid intendesse adottare il Brasile:

L’Italia è un Paese pieno di vecchietti, in ogni palazzo c’è almeno una coppia, come a Copacabana e per questo motivo ci sono tanti morti“.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!