Coronavirus, medico di Bergamo avvisò la Regione sull’emergenza. La risposta: “Non abbiamo tempo da perdere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

“Non abbiamo tempo da perdere per le tue str***te”. Sarebbe questa la risposta data dal 118 al medico Giupponi lo scorso 22 febbraio sulla situazione d’emergenza a Bergamo. La rivelazione è stata riportata da un quotidiano statunitense.

Il quotidiano statunitense ‘Wall Street Journal’ ha pubblicato la testimonianza di un medico di Bergamo, Angelo Giupponi, responsabile dell’Articolazione aziendale territoriale del 118. Secondo questa testimonianza, già a febbraio Giupponi avrebbe suggerito alla Regione Lombardia misure drastiche per contrastare l’epidemia del coronavirus.

Il 22 febbraio Giupponi aveva già scoperto la gravità della situazione nella zona di Bergamo. Secondo la rivelazione del giornale americano, questa sarebbe stata la risposta ottenuta da Giupponi da parte di un dirigente del 118: “Non abbiamo tempo da perdere per le tue str***te”.

Medico di Bergamo informò la Regione sulla situazione grave già il 22 febbraio. Ma la sua mail sarebbe stata ignorata

I due giornalisti americani del ‘Wall Street Journal’, Marcus Walker e Mark Miramont, hanno parlato con vari dirigenti dell’ospedale bergamasco Papa Giovanni, tra cui lo stesso Giupponi, che avrebbe inviato una mail informativa alle autorità sanitarie della Regione Lombardia già lo scorso 22 febbraio.

Giupponi, comunque, non vuole più commentare la vicenda. Questa la sua dichiarazione odierna: “Non confermo e non smentisco, in questi giorni ho altro da fare”.

Il nome di Giupponi compare tra i firmatari della lettera pubblicata dal ‘New England Journal of Medicine’, nella quale si dice che la situazione a Bergamo è fuori controllo.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!