Coronavirus, Conte può spegnere internet? Cosa c’è di vero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04

Negli ultimi giorni si è diffusa la notizia secondo cui Giuseppe Conte avrebbe facoltà di disabilitare internet in qualsiasi momento: è vero?

L’Italia corre il rischio di trovarsi senza internet? Negli ultimi giorni sul web la notizia che il governo è in grado di disattivare la fruizione della rete a tutti i cittadini è diventata virale. A diffonderla è stato il sito d’informazione ‘ByoBlu‘. Nell’articolo si fa riferimento a quanto successo a Teheran, quando il governo ha deciso di disabilitare l’accesso alla rete ad i suoi cittadini per evitare di diffondere ulteriori notizie sulle proteste che stavano andando in scena in quasi tutto il Paese.

Leggi anche ->Coronavirus, come sopravvivere in casa al tempo della quarantena: dal web arriva il decalogo della mamma

Improbabile pensare che il nostro governo possa applicare una simile decisione in un periodo in cui proprio Internet è un potente alleato nel far rispettare la quarantena ai propri cittadini. Ma ci interessa capire innanzitutto se il governo ha tra le sue facoltà quella di staccare internet in tutto il territorio nazionale. La risposta ci giunge dal sito specializzato in notizie sull’informatica ‘Informatica per anziani‘.

Leggi anche ->Coronavirus, a Palermo cercano di scappare con la spesa: interviene la polizia

Il governo può staccare internet se lo vuole?

A quanto pare Conte ha tra le varie facoltà anche quella di disporre della fruizione internet di tutti gli italiani. L’unico caso in cui una simile azione può essere compiuta, però, è se il Paese si trova in forte pericolo. Tale possibilità è sancita dalla Legge sul Perimetro nazionale di sicurezza cibernetica a cui fa riferimento l’allegato alla Relazione sulla Politica dell’Informazione per la Sicurezza presentato ad inizio marzo.

In parole povere, se si presenta una seria minaccia cibernetica, il governo ha la facoltà di disattivare parzialmente o totalmente la rete. Nel farlo si avrebbe la possibilità di proteggere dati sensibili, permettendo nel frattempo di risolvere la minaccia cyber e solo dopo di ripristinare la rete. Al momento, però, non si corre un simile rischio, semplicemente perché non ci si trova di fronte ad una pericolosa minaccia cyber. L’unica cosa che può sospendere o rallentare la fruizione del web è l’eccesso di persone a casa che si collegano per ovviare alla noia generata dalla quarantena.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!