Coronavirus, Stati Uniti primi per numero di contagi accertati. Trump “chiama” la Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59

Con 81.488 casi di contagio da Coronavirus accertati, gli Stati Uniti d’America superano l’Italia e diventano il primo Paese con più casi al mondo. Trump ha fatto sapere che USA e Cina collaboreranno

Gli Stati Uniti superano Cina e Italia per numero di persone contagiate dal Coronavirus.  La notizia è arrivata ieri: il New York Times riporta di 81.488 casi di contagio e di 1.178 decessi su tutto il territorio della federazione. Donald Trump ha fatto sapere, tramite Twitter, di aver avuto una proficua conversazione telefonica con il Presidente cinese Xi Jimping. Cina e Usa lavoreranno a stretto contatto per sconfiggere la pandemia da Covid-19, nella speranza (fortemente caldeggiata dal Governo cinese) che questo sodalizio aiuti a migliorare i rapporti bilaterali.

Gli Usa superano l’Italia per numero di contagi, ma l’Italia ha sempre un rapporto casi/popolazione totale troppo elevato

Con 81.844 contagi, gli Stati Uniti superano l’Italia per numero complessivo di persone sicuramente affette da Coronavirus.

Numeri che, in fondo, lasciano il tempo che trovano perché è sempre l’Italia il Paese del triste primato. Calcoli e statistiche vanno stilati tenendo conto della popolazione complessiva di un Paese. Negli States si parla di 81.488 casi (dati aggiornati a ieri) per un totale di 329 milioni di abitanti circa, mentre in Italia siamo arrivati a 80.539 casi accertati per una popolazione che si attesa sui 60 milioni di abitanti. La conclusione è chiara: In Italia abbiamo registrato quasi lo stesso numero di persone malate pur avendo una popolazione che è quasi sei volte inferiore rispetto a quella statunitense.

Gli Usa superano l’Italia per numero di contagi, c’è l’accordo con la Cina: insieme contro il Coronavirus

La pandemia ha avuto un altro effetto, cioè quello di spingere Usa e Cina a raggiungere “una congiuntura importante” (così ha detto Xi Jimping): i due Paesi collaboreranno. Sembra tutta un’altra situazione rispetto a quella di grande tensione causata dalla questione dazi doganali e dalle sanzioni Usa che avevano colpito il colosso cinese Huawei. E la speranza del Presidente cinese è proprio quella che questa intesa- sugellata contro un comune nemico- aiuti a migliorare in generale anche i rapporti attualmente esistenti tra le due potenze.

La strada, al momento, pare promettere bene e su Twitter Donal Trump ha parlato di grande rispetto per la Cina. Il Tycoon ha dato notizia di una telefonata intercorsa tra lui e il leader del governo cinese, twittando poche ore fa che:

Ho appena concluso un’ottima conversazione con il presidente Xi della Cina. Discusso in dettaglio il CoronaVirus che sta devastando gran parte del nostro Pianeta. La Cina ha molta esperienza e ha sviluppato una forte conoscenza del virus. Stiamo lavorando a stretto contatto insieme. Molto rispetto!” .

Gli Usa superano l’Italia per numero di contagi, a Miami deciso il coprifuoco

Le misure attualmente prese oltreoceano sono simili a quelle stabilite dall’Italia: la popolazione deve rimanere a casa. Si potrà uscire per comprovate esigenze lavorative, mediche o per portare fuori il cane (ma entro pochi metri dalla propria abitazione).

Come riporta l’Agenzia Ansa, la città di Miami ha deciso di imporre anche il coprifuoco dalle ore 22:00 alle ore 05:00 del mattino successivo.  Le situazioni più gravi, attualmente, si registrano in Louisiana e a New Orleans.

Il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha abbracciato la politica della verità: non si può più nascondere ai cittadini la realtà dei fatti. Qual è questa verità? Che a New York i contagiati potrebbero essere 4 milioni (la metà degli abitanti) ancor prima che il Coronavirus compia il suo corso naturale.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!