Coronavirus, l’annuncio di Conte: “4,3 miliardi ai comuni e 400 milioni per chi non può fare la spesa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41

coronavirus maxi decreto“Lo Stato c’è”. Il premier Conte ha annunciato un maxi decreto per trasferire oltre 4 miliardi ai comuni e destinare 400 milioni a buoni spesa per gli italiani in difficoltà

Un’ingente quantità di denaro immediatamente destinata ai comuni, da un lato, e agli italiani che non hanno più la possibilità economica di fare la spesa dall’altro. Sono questi i due cardini del nuovo maxi decreto annunciato e già firmato dal premier Conte nel corso di una conferenza stampa in diretta Facebook. Un sostegno concreto che verrà reso disponibile in tempi rapidissimi e con l’obiettivo di azzerare la burocrazia, per fare in modo che le famiglie più duramente colpite dalle conseguenze dell’epidemia di coronavirus possano continuare ad accedere ai beni di prima necessità. Il presidente del Consiglio ha a tal proposito dichiarato: “Lo Stato c’è. Sappiamo che ci sono tante persone che soffrono, c’è chi addirittura ha difficoltà a comprare generi alimentari. Ho firmato Dpcm e giriamo 4,3 miliardi ai Comuni e aggiungiamo 400 milioni con ordinanza della Protezione civile con il vincolo di utilizzare queste somme per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari”.

Il Governo corre ai ripari, Conte: “Nessuno sarà lasciato solo”

La crescita del malcontento ed il rischio sempre più concreto di casi di rivolta e protesta ha dunque spinto il governo a correre ai ripari. E a tal proposito Conte ha assicurato che “nessuno sarà lasciato solo. Siamo al lavoro per azzerare la burocrazia, stiamo facendo l’impossibile. La ministra Catalfo e l’Inps stanno lavorando senza sosta. Vogliamo mettere tutti i beneficiari della Cassa integrazione di accedervi subito, entro il 15 aprile, e se possibile anche prima”. “Stiamo lavorando – ha aggiunto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri – per rendere fruibile il prima possibile gli indennizzi e dal primo aprile con un click si potrà fare domanda e saranno erogati i 600 euro che vogliamo rafforzare e allargare. Non è tanto il momento di riformare strumenti ordinari ma di far fronte a una situazione straordinaria. Il bonus (reddito di emergenza ndr) sarà più rapido, più efficae e più universale per chi non usufruisce di una fonte di reddito”. La nmuova misura per i comuni sarà invece già attiva da domenica.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!