Coronavirus: “Vuole vivere o morire?” – in arrivo in Olanda le chiamate per decidere il proprio destino?

Olanda: soluzione controversa per risolvere l’affollamento delle terapie intensive, fare scegliere agli anziani se essere curati in caso di Coronavirus.

In queste ore sta facendo discutere molto la possibilità di approvare un provvedimento che porterebbe all’istituzione di un’eutanasia selettiva. Nei Paesi Bassi l’eutanasia è legale ormai da tanti anni e la situazione d’emergenza generata dalla diffusione del Coronavirus (oltre 9000 casi e circa 700 decessi), potrebbe indurre a implementarla come soluzione al possibile sovraffollamento delle terapie intensive.

Leggi anche ->Coronavirus, parla Mujica: “Non siamo in guerra. Ora che tutto va a rotoli, tutti ricordano che esiste lo stato”

L’indiscrezione sul provvedimento è stata riportata da ‘Il Giornale‘ e riguarda la decisione di fare chiamare i pazienti anziani dai medici. I dottori sarebbero stati invitati dalle autorità sanitarie nazionali a contattare gli anziani per metterli di fronte ad una scelta drastica: nel caso in cui dovesse contrarre il Coronavirus e la situazione dovesse aggravarsi, cosa vuole fare? Le opzioni per loro sarebbero due: la prima sottoporsi alle cure e alla ventilazione assistita, la seconda lasciare che la malattia faccia il suo corso.

Leggi anche ->Coronavirus, donna muore dopo aver rifiutato il respiratore: “Ho già fatto una buona vita”

Coronavirus, in Olanda i pazienti scelgono se essere curati?

Secondo quanto riferito, i pazienti che dovessero decidere di non essere sottoposti alle cure, sarebbero successivamente invitati a firmare una dichiarazione con la quale si attesta la loro volontà di non essere curati. Una simile soluzione al sovraffollamento delle terapie intensive è quantomeno cinica e pare che non tutti in Olanda siano d’accordo ad applicare un simile provvedimento. Il leader del Partito per Le Libertà, Geert Wilders, ha definito agghiacciante un simile scenario ed ha invocato immediatamente l’intervento del ministro della Salute e del vicepremier Hugo de Jonge.