Il parlamento in Ungheria consegna pieni poteri a Orbàn: l’Europa interverrà?

Ungheria consegna pieni poteri a Orban

Pieni poteri a Orban , a cui ora spetterà determinare la fine dello stato di emergenza. Inoltre, chi diramerà “false notizie” rischierà da 1 a 5 anni di carcere. Bruxelles: “La Commissione europea sta valutando il caso della legge votata oggi”

Viktor Orbán ha ottenuto pieni poteri rinnovabili senza limite, prendendo così il controllo della libertà di informazione e delle istituzioni.

Di fatto la democrazia e  i valori dello Stato di Diritto definiti dai Trattati Europei sono da oggi sospesi in Ungheria.

Di particolare rilievo la decisione per cui saranno accettate solo informazioni di fonte ufficiali sulla pandemia e chi verrà accusato dall’esecutivo di diffondere fake news potrà essere condannato. La pena arriva fine a 5 anni di prigione nelle sovraffollate carceri a disposizione del Paese, come riportato da La Repubblica.

Le critiche sulla decisione presa in Ungheria

A favore tutti i parlamentari del partito di maggioranza sovranista alla cui guida c’è proprio Orbán. La scelta è stata definita da ong, osservatori europei ed esperti di diritti umani come un golpe bianco.

Viktor Orbán – al potere dall’aprile 2010, e rieletto due volte – può adesso governare per decreto per quanto a lungo vorrà, chiudere il Parlamento stesso senza limiti di tempo oltre i quali dovrebbe riaprirlo, cambiare come vuole o sospendere leggi in vigore e rinviare cancellare o vietare ogni elezione.
Inoltre spetta sempre a lui decidere sulla durata dell stato d’emergenza legato al Coronavirus. Stato da cui dipendono i suoi stessi poteri, per cui viene da chiedersi se sceglierà mai di mettervi fine.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, parla Mujica: “Non siamo in guerra. Ora che tutto va a rotoli, tutti ricordano che esiste lo stato”