Coronavirus, in forma con Amanda Knox: “Ecco come scolpire gli addominali in casa”

Attraverso il proprio profilo Twitter, Amanda Knox ha voluto dare agli italiani in quarantena dei consigli per scolpire gli addominali.

Dopo un po’ di tempo distante dai social, Amanda Knox è tornata a fare sentire la propria voce tramite Twitter con dei consigli per i suoi follower, validi per chiunque in questo momento si trovi in quarantena a causa del Coronavirus. Nota per il caso Meredith Kercher, Amanda è stata prima accusata e condannata per la sua morte e successivamente scarcerata dopo aver scontato 4 anni di carcere a Perugia. Proprio in virtù della sua esperienza da reclusa, la Knox si sente in grado di poter dare degli ottimi consigli per contrastare la noia e nel contempo migliorare il proprio fisico.

Leggi anche ->Coronavirus, la “rivincita” del bidet: oltreoceano la carta igienica scarseggia e si corre ai ripari

La statunitense parte proprio dal consiglio base per scolpire gli addominali. Nessuno sconto o trucco, si deve lavorare sodo: “Consigli dalla quarantena da una ragazza che è stata incarcerata. Come pensi io possa avere degli addominali così scolpiti? Facendo flessioni e piegamenti per giorni. Non è vero Ryan Ferguson?“. All’esercizio fisico si deve accompagnare una dieta sana ed equilibrata. Cosa mangiare dunque? Un insalata è il miglior pasto, ecco quella preferita dalla insolita trainer: “Arancia in piccoli pezzetti, olive tagliate, olio, succo di limone, sale e pepe”.

Leggi anche ->Coronavirus, parla un ex dipendente di Amazon: “Io, licenziato per aver chiesto più sicurezza”

Amanda Knox ed i consigli per occupare la mente in quarantena

Conclusa la breve guida per la cura del fisico, la Knox passa ai consigli per non annoiarsi e occupare in modo produttivo il tempo durante la clausura. La prima pratica è: scrivere una lettera. Non una mail o un messaggio lungo su WhatsApp, ma una missiva con carta e penna: “No l’email non conta. La penna su carta rende il messaggio più prezioso. Cosa diresti se avessi solo 500 parole a disposizione e la lettera arrivasse a destinazione solo una settimana dopo? A chi vorresti scrivere?”.

Con la mancanza di spazio e l’impossibilità di uscire, ci si può sentire soli e in trappola. Per il primo problema consiglia di dialogare con il proprio “Fanciullino interiore”, mentre per il secondo consiglia una serie di libri, molti dei quali fantasy, poiché sono quelli che riescono a portarci con la fantasia a mondi totalmente differenti da quelli che conosciamo. Gli ultimi due consigli sono: tenere un diario personale in cui non ci sono filtri (una specie di flusso di coscienza) e leggere poesie d’amore a voce alta.