Coronavirus, il Viminale spiega: “Sì a camminate genitori-figli, i divieti sugli spostamenti però non cambiano” – VIDEO

Il Viminale ci ha tenuto a fare chiarezza sulla circolare che consente ai genitori di passeggiare con i figli durante l’emergenza Coronavirus

Luciana Lamorgese, ministro dell’Interno, ci ha tenuto a far chiarezza dopo che il governatore della Campania Vincenzo De Luca e l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera hanno duramente criticato la circolare che consente ai genitori di uscire con i figli.

Dal Viminale hanno spiegato che “la possibilità di uscire con i figli minori è consentita ad un solo genitore per camminare. Purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute”.

In merito alle attività motorie consentite, il Viminale ha spiegato che “è stato chiarito che, fermo restando le limitazioni indicate, è consentito camminare solo nei pressi della propria abitazione. La circolare ha ribadito che non è consentito in ogni caso svolgere attività ludica e ricreativa all’aperto. Continua ad essere vietato l’accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”.

Il Viminale ha poi concluso dicendo: “In ogni caso tutti gli spostamenti sono soggetti ad un divieto di assembramento e quindi all’obbligo di rispettare la distanza minima di sicurezza. Le regole e i divieti sugli spostamenti delle persone fisiche, dunque, rimangono le stesse”.

Sara Fonte