Threesome in auto durante la quarantena: “Così passiamo il tempo sbirri di m***a”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

Un uomo e due donne sono stati denunciati dalla polizia di Rimini dopo che gli agenti li hanno beccati a fare sesso a tre in auto.

Ci sono comportamenti talmente poco intelligenti da rendere superfluo anche un commento negativo. Questo è sicuramente il caso di un trio che si aggirava per le strade di Rimini violando i divieti imposti dalla quarantena e quelli che da sempre impone la pubblica decenza. I tre, un uomo di Cesena di 38 anni, una donna di 32 nativa di Frosinone ed una di 31 nativa di Palermo, si divertivano a girare dei porno amatoriali in luogo pubblico.

Leggi anche ->Ragazza 22enne racconta i sintomi causati dal Coronavirus: “Non riuscivo a respirare”

Gli esibizionisti, poi, caricavano i video su internet sotto lo pseudonimo “Dollscult Satanic Family“. I filmati porno, già circa 90,  erano diventati virali sul web. In questi si vedono i protagonisti che, oltre al sesso, si divertivano a prendere in giro le forze dell’ordine. In uno di questi, girato davanti al Comando della Municipale di Rimini, ad esempio dicevano: “È così che passiamo la quarantena. Sbirri di m****a!”.

Leggi anche ->Coronavirus, Roberto Speranza: “Restrizioni confermate fino al 13 aprile” – VIDEO

Sesso a tre in pubblico durante la quarantena: denunciato trio di trasgressori

Come se non bastasse, i tre “geni” si divertivano ad esprimere commenti vergognosi sulle morti causate dal Coronavirus: “Non solo non ce ne frega un c***o se ci saranno milioni di morti, ma anzi ci godiamo pure. Del vostro genere umano del c***o non ce ne frega nulla, dovete crepare uno per uno s******i di m***a”. Le loro scorribande sono state fermate dalla Polizia. Per gli agenti non è stato difficile individuarli visto che l’auto appariva in molte registrazioni cittadine e che apparteneva all’uomo. Dal numero di targa, dunque, si è risaliti alla sua identità. I tre sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico, oltraggio a pubblico ufficiale e diffamazione per mezzo stampa. A queste accuse si dovrebbero aggiungere quelle previste per la violazione del decreto ministeriale atto a contrastare la diffusione del Coronavirus.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!