Coronavirus, lavare oggetti mai lavati? Ecco il lavaggio di un tappetino mai pulito in 25 anni

Pulizie al tempo del Coronavirus: una mamma inglese ha deciso di lavare un tappetino che non veniva lavato da 25 anni. Il risultato è da voltastomaco

Il Coronavirus ci ha imposto di guardare con maggiore puntualità alle salutari norme igieniche che già- per buona regola e a prescindere dalle pandemie- dovrebbero fare parte del nostro quotidiano. Stare forzatamente in casa ci spinge anche a vivere con più attenzione l’ambiente casalingo che ci circonda; la quarantena rappresenta un’opportunità per mettere mano a oggetti che, per mancanza di tempo, avevamo accantonato.

In molti si sono dati alle pulizie di primavera arrivando fin dove non si erano mai spinti. In alcuni casi, con risultati che rasentano la ripugnanza: è il caso di quello che ha fatto una mamma inglese, che ha deciso di lavare un tappetino per bambini che non si puliva da ben 25 anni. Il lavaggio è stato documentato fotograficamente ed è stato descritto sui social. Da qui ai tabloid inglesi il passo è stato breve.

Donna lava un tappetino dopo 25 anni, le foto diventano virali in rete

Una donna inglese ha riesumato un tappetino per bambini che non aveva mai lavato in 25 anni. L’avvento della quarantena l’ha convinta a dare una pulita a quel vecchio gioco e a immergerlo nella sua vasca da bagno, appositamente riempita di acqua e detersivo per questo scopo.

Il tappetino ha rilasciato una quantità di sporcizia davvero impressionante e questo ha costretto la mamma a ripetere il lavaggio per ben tre volte. La donna ha fotografato il prima del lavaggio, il dopo e infine ha postato il tutto sul gruppo FacebookMums Who Clean” (traducibile in: mamme che puliscono).

Cosa ci insegna questa vicenda? Che gli oggetti con cui entriamo quotidianamente in contatto andrebbero lavati spesso (laddove si tratti di materiali lavabili): la sporcizia c’è sempre, anche se magari non si vede a occhio nudo.

Maria Mento