Coronavirus, Boris Johnson in terapia intensiva: dopo la smentita del pomeriggio, il peggioramento delle condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:38

Le condizioni di salute di Boris Johnson dopo aver contratto il Coronavirus sono peggiorate, il premier inglese è in terapia intensiva

Circa due settimane fa il premier inglese Boris Johnson, dopo aver fatto il tampone per il Coronavirus, è risultato positivo al test.

Inizialmente i suoi sintomi non erano gravi, era infatti in quarantena a casa. Lui stesso ci aveva tenuto a far sapere che stava bene e che avrebbe continuato a lavorare da casa.

A causa della tosse persistente era stato poi ricoverato in ospedale per precauzionale. Mentre era in ospedale le sue condizioni di salute si sono però aggravate, i medici hanno ritenuto che fosse necessario ricorrere al ventilatore polmonare.

Al momento non si hanno altre notizie sulle attuali condizioni di salute del premier inglese, non ci resta che attendere nuovi dettagli per saperne di più.

AGGIORNAMENTO 14.30: il premier britannico ha smentito di essere in terapia intensiva.

La smentita è giunta attraverso un tweet dello stesso numero uno del governo inglese

AGGIORNAMENTO 21.30: ulteriore contrordine sulle condizioni di salute del premier britannico Boris Johnson. Il premier è ricoverato in terapia intensiva. Alcuni lanci d’agenzia hanno confermato la notizia.

Secondo quanto riportato da un portavoce di 10 Downing Street: “Da domenica sera, il Primo Ministro si trova presso l’ospedale St Thomas di Londra, dopo essere stato ricoverato con i sintomi del coronavirus. Dopo il pomeriggio di oggi, le condizioni del Primo Ministro sono peggiorate e, seguendo i consigli del suo staff medico, è stato trasferito presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale”.

Il ministro degli Esteri, Dominic Raab, è stato incaricato di sostituirlo “laddove sarà necessario”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!