Il dolore agli occhi potrebbe essere sintomo di Coronavirus: il dato emerge dall’analisi delle ricerche Google

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:36

Il dolore agli occhi potrebbe essere un sintomo di coronavirus. E’ l’ipotesi di un analista che ha confrontato le ricerce effettuate so Google da tutto il mondo.

Un analista di dati ha suggerito che il dolore agli occhi potrebbe essere un sintomo del coronavirus.

Seth Stephens-Davidowitz ha effettuato l’analisi delle ricerche su Google per cercare di prevedere dove si sarebbe verificato il prossimo picco di COVID-19.

Stephens-Davidowitz ha notato una correlazione tra la frase “perdita dell’olfatto” e la ricerca di motivi per il dolore agli occhi, come riportato dal Daily Star.

I ricercatori hanno già concordato che una perdita di olfatto e gusto può essere collegata ai sintomi del coronavirus, presente nel 60% dei casi.

L’analista ha evidenziato un elevato numero di queste ricerche in diverse aree degli Stati Uniti, tra cui New York, New Jersey, Louisiana e Michigan, che sono state le più colpite dal virus.

Coronavirus, ipotesi di un analista

La scoperta dell’analista dati

Condividendo le sue scoperte con il New York Times, Stephens-Davidowitz ha spiegato che le ricerche di” no puedo oler “(Non riesco a sentire l’odore) sono circa 10 volte più alte per ricerca su Google in Ecuador di quanto lo siano in Spagna. Anche se L’Ecuador riferisce ufficialmente più di dieci volte meno Covid-19 casi pro capite rispetto alla Spagna.

L’analista ha quindi individiato nell’Ecuador il prossimo epicentro del virus in Sud America aggiungendo che gli ecuadoriani sono in cima alle ricerche di febbre, brividi e diarrea.

Stephens-Davidowitz ha rilevato un picco di ricerche relativo al dolore agli occhi in Spagna e in Iran prima che entrambe le nazioni diventassero focolai.

Anche in Italia la stessa ricerca a marzo era 5 volte superiore ai livelli abituali. Per l’uomo i dati offrono un indizio che il dolore agli occhi può essere un sintomo del coronavirus. Tuttavia, aggiunge, potrebbe interessare solo una picola parte dei pazienti COVID-19.

Stephens-Davidowitz ha raccomandato ai funzionari sanitari di monitorare il dolore oculare come potenziale sintomo di coronavirus.

 

 

Potrebbe interessarti anche: Terremoto, 11 anni dopo L’Aquila è di nuovo “zona rossa”. Mattarella: “Ricostruzione priorità”

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, medico spiega perché non bisogna indossare i guanti al supermercato – VIDEO

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!