Coronavirus, problemi intestinali in circa il 50% dei casi. Un sintomo da non sottovalutare

coronavirus problemi intestinali Il coronavirus si presenta con alcuni sintomi “classici” ma anche molti altri “minori”. 

Molti pazienti avvertono la nota tosse secca e la febbre alta, ma altre persone hanno riportato sintomi completamente diversi, senza dimenticare che sono in molti anche i cosiddetti “asintomatici”.

Ma c’è un sintomo che sembra colpire addirittura quasi la metà dei pazienti, ovvero i problemi intestinali.

Un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology ha analizzato i dati di 204 pazienti con Covid-19 nella provincia cinese di Hubei. I ricercatori hanno scoperto che quasi il 50% di loro ha manifestato diarrea, vomito o dolore addominale.

Isla Haslam, residente a Balham, Londra, che recentemente ha sofferto di coronavirus, ha avuto un mal di stomaco come primo sintomo della malattia.

Gli esperti: “Problemi intestinali non sono da sottovalutare”

La 29enne ha detto al Sun Online di essersi svegliata un giorno con quello che pensava fosse un intossicazione alimentare dovuta alla sua cena a base di lenticchie e fagioli la sera precedente.

Solo il giorno seguente ha iniziato a soffrire di sintomi virali più tipici del Covid-19, tra cui mal di gola e stanchezza, come riportato anche dal Daily Star Online.

I problemi digestivi sono abbastanza comuni da non indurre qualcuno a sospettare di avere il coronavirus. Ma gli autori dello studio affermano che i medici che vedono pazienti con improvvisi problemi intestinali che hanno potenzialmente avuto contatti con una persona infetta “dovrebbero almeno considerare come possibile la malattia”.