Coronavirus, 43mila dipendenti dei parchi a tema Disney World senza più stipendio

dipendenti Disney senza stipendioL’azienda ha congelato 43mila stipendi di dipendenti dei parchi a tema Disney, chiusi da metà marzo a causa della pandemia di coronavirus

La scure della pandemia di coronavirus si abbatte anche su Disney World, con un’ondata di licenziamenti senza precedenti. L’azienda ha infatti dovuto congelare, eliminando lo stipendio, ben 43mila posti di lavoro, lasciando senza un soldo e all’improvviso gran parte dei dipendenti, tra i quali anche 135 italiani. In una nota l’azienda ha spiegato che per un anno tutti i 43mila dipendenti continueranno a ricevere l’assistenza sanitaria completa e che sarà dunque la Disney a coprire tutti i costi. Inoltre i posti di lavoro saranno garantiti, compresi gli scatti di anzianità, una volta che l’emergenza verrà dichiarata terminata. Ma nel frattempo nessuno di loro riceverà lo stipendio mensile e a chi si trova in affitto nei residence Disney è stato chiesto di lasciare le case per motivi di sicurezza.

Anche 135 dipendenti italiani restano senza stipendio

Un sogno infranto per i tanti italiani rimasti improvvisamente senza un lavoro che amavano. E tra di loro c’è chi ora non sa come far rientro a casa dal momento che i prezzi dei voli con decollo da Orlando e arrivo a Fiumicino, via New York, hanno raggiunto prezzi spropositati. Ad oggi i parchi della Disney (dieci in tutto il mondo oltre a trenta resort) sono chiusi a tempo indeterminato e l’azienda deve fronteggiare perdite di denaro inimmaginabili. Solo 400 sono i posti di lavoro mantenuti da Disney World a pieno regime poichè considerati indispensabili.