Coronavirus, in Lombardia arriva la superquarantena di 28 giorni. Ecco per chi

covid quarantena in lombardiaLa quarantena con isolamento domiciliare passa dagli attuali 14 ai 28 giorni in Lombardia. Lo ha deciso la Regione solo per i presunti positivi Covid-19 non sottoposti a tampone.

Raddoppiare il periodo di quarantena portandolo da 14 a 28 giorni. È questa l’idea, presto concretizzata, ventilata dai vertici di Regione Lombardia nel tentativo di arginare l’alto numero di contagi e fare in modo che la curva inizi drasticamente a calare. La comunicazione è arrivata dall’assessore al Welfare Giulio Gallera il quale ha sottolineato che i lombardi già convalescenti da un sospetto Covid (ovvero non confermato da tampone) dovranno restare in quarantena fino al prossimo 3 maggio. L’assessore sta lavorando in questi giorni all’aggiornamento delle linee guida alle quali i medici di base devono attenersi, imponendo loro di considerare tutti i casi di influenza o di sindromi simil influenzali come potenziali contagi da Covid-19.

Isolamento domiciliare passa da 14 a 28 giorni, il motivo

Ad oggi i sospetti positivi potevano terminare la quarantena trascorsi 14 giorni senza sintomi. Ma, come spiegato dall’assessore, “è un’indicazione riferita all’incubazione del virus e stiamo vedendo molti positivi che dopo 14 giorni di clinica silente sono ancora contagiosi”. Mentre da un lato si cerca di incrementare il numero dei tamponi giornalieri, dunque, dall’altro entro breve tali pazienti dovranno rispettare i tempi della superquarantena, interrompendo l’isolamento domiciliare dopo 28 giorni senza sintomi.