Italexit, un sondaggio evidenzia il crescente scontento degli Italiani nei confronti dell’UE

Italiexit

Un sondaggio riguardante i rapporti tra Italia ed Europa condotto da Tecnè Poll indica scontentezza degli italiani in tema Europa.

Il trattamento riservatoci dall’Europa non è passato inosservato, nemmeno agli italiani generalmente meno interessati alle politiche comunitarie.

E l’insoddisfazione nei confronti di Bruxelles è cresciuta a dismisura, tanto che di fronte a un’ipotetica scelta tra restare o uscire dall’Unione Europea, il 49% degli italiani voterebbe quest’ultima opzione.

Il precedente dato, rilevato nel 2018, dava i contrari all’uscita di 20 punti percentuali in più rispetto ad oggi, dove solo il 51% è favorevole a restare in UE.

Le cause dello scontento

Alla radice dell’insofferenza per l’Europa ci sono le politiche rigoriste poste al nostro paese. Come pure l’atteggiamento assunto da Germania e Olanda.

Il rifiuto alla richiesta degli Eurobond proposti dal nostro governo, dove come unica controproposta si ha il Meccanismo europeo di stabilità (Mes), non è piaciuta agli italiani. Una parte del paese già era scontenta delle politiche comunitarie, ma di fronte alla delicata situazione a cui ogni Stato è chiamato a rispondere, si attendeva da Bruxelles un cambio di rotta.

Invece i leader di Germania e Paesi Bassi, Angela Merkel e Mark Rutte, hanno lasciato intendere che prima della solidarietà europea ci sono gli interessi nazionali. In questo clima è naturale che molti si interroghino su quanto valga la pena restare in una simile unione e se invece non convenga seguire l’esempio della Brexit.

Potrebbe interessarti anche: Aiutata dai finanzieri a far ripartire l’auto, multata poco dopo dalla Polizia: dottoressa scrive alla Raggi

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, anche i cadaveri infettano? Il caso dell’anatomopatologo positivo