Coronavirus portato all’uomo dai cani randagi? La scoperta di un gruppo di scienziati

cani randagi coronavirusSecondo uno studio, l’animale responsabile della pandemia di coronavirus sarebbe il miglior amico dell’uomo. 

Una nuova ricerca dal Canada suggerisce che i cani randagi in Cina hanno trasmesso il coronavirus all’uomo dopo aver mangiato carne di pipistrello scartata.

Gli esperti hanno cercato di trovare “l’animale intermedio” che ha trasmesso il Covid-19 agli umani. Un team dell’Università di Ottawa afferma che i cani randagi potrebbero aver causato il salto del virus nell’uomo.

Il principale autore dello studio, il professor Xuhua Xia, suggerisce che “il coronavirus si è inizialmente diffuso dai pipistrelli ai cani randagi che mangiano carne di pipistrello”. L’esperto ha poi aggiunto che le origini specifiche del Covid-19 sono “di vitale interesse per l’attuale crisi mondiale”.

Il lavoro del team di Ottawa può essere molto utile per battere il virus

“L’antenato di Covid-19 e il suo parente più vicino, un coronavirus di pipistrello, hanno infettato l’intestino dei cani, molto probabilmente provocando una rapida evoluzione del virus e il suo salto nell’uomo – spiega l’esperto – Ciò suggerisce l’importanza di monitorare i coronavirus simili alla SARS nei cani selvatici nella lotta contro Covid-19″.

Il professor Xia e i suoi colleghi hanno inoltre esaminato una proteina antivirale chiave, chiamata ZAP, che può fermare un virus nel suo percorso impedendone la moltiplicazione e degradando il suo genoma. Il bersaglio virale è una coppia di lettere chimiche, chiamate dinucleotidi CpG, all’interno di bit di DBNA chiamati RNA.