Coronavirus, il complotto immaginario del Dottor Shiva (che pensa si curi con la vitamina C)

Teorie complottiste dott. Shiva

Insieme alla pandemia di coronavirus sono esplose anche le teorie complottiste, tra cui quella del Dott. Sviva Ayyandurai, personaggio già noto.

Tra le numerose accuse di ipotetici complotti , di ogni forma e colore e imputate ad oggni Nazione, ecco giungere in Italia la teoria del Dott.Sviva Ayyandurai .

Durante un’intervista a ‘The Next News Network’ negli Stati Uniti-dove è stata ben accolta- il dottore, scienziato e businessman di origini indiane ha definito il Coronavirus come un complotto dei cosiddetti ‘poteri forti’ per obbligare l’intero Mondo a un vaccino.

Il dott. Shiva si è spinto addirittura a fare nomi e cognomi, accusando Hilary Clinton, Bill Gates, ma anche Big Pharma e Anthony Fauci. Tutti colpevoli di partecipare a un piano sommerso con lo scopo di trarre profitto dalla pandemia, imponendo il vaccino obbligatorio per l’intero mondo.

Le teorie complottiste si Shiva non sono nuove

Il personaggio non è nuovo, e non solamente nel senso che abbiamo già sentito teorie simili anche da persone diverse. Proprio lui, il dottor Shiva, è già stato “sbufalato” su  Bufale.net per aver sostenuto che per guarire dal coronavirus è sufficiente la vitamina C.

Teoria smentita dalle stesse aziende produttrici oltre che dai dottori.  Sempre durante questa emergenza è arrivato a suggerire a Donald Trump di non adottare nessuna misura di contenumento. Le sue idee gli hanno valso (forse) la popolarità che cerca, facendogli guadagnare una paragrafo dedicato su Wikipedia dal titolo: ‘Disinformazione Covid-19’.

Ancora prima il dottore si era attribuito la paternità dell’invenzione della posta elettronica, nonostante esistano molte documentazioni che fanno risalire la famosa “e-mail” a dieci anni prima.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, Victoria Cabello e la sua seconda quarantena, dopo quella per la sindrome di Lyme

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, allarme al Cas di Verona: 101 richiedenti protezione sono risultati positivi