Russia testa missili anti-satellite, gli Stati Uniti tuonano: “Dimostrazione della loro ipocrisia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

Gli Stati Uniti hanno evidenziato l’ennesimo test missilistico anti satellite della Russia, sostenendo che il Paese sia una minaccia reale.

Alla fine del 2019 la Russia avrebbe effettuato un test missilistico anti satellite. Si tratterebbe del 10° tentativo effettuato dal Paese est europeo e la dimostrazione di come i lavori sul sistema Asat, in grado di distruggere un satellite avversario, stiano procedendo senza conoscere sosta. A divulgare l’informazione è stato lo US Space Command commander e U.S. Space Force Chief of Space Operations W. “Jay” Raymond.

Leggi anche ->La Russia denuncia un satellite non meglio identificato nell’orbita terrestre: di cosa si tratta?

Questo ha sostenuto che i test della Russia dimostrano quanto il sistema spaziale degli Stati Uniti e delle forze alleate sia in pericolo: “I test DA-Asat della Russia hanno fornito un ulteriore dimostrazione di come la minaccia al sistema spaziale degli Usa e dei suoi alleati sia reale, serio e stia crescendo”. Lo stesso Raymond ha poi aggiunto delle rassicurazioni: “Gli stati uniti sono pronti e determinati a dissuadere gli aggressori e proteggere la Nazione, gli alleati e gli interessi da atti ostili nello spazio”.

Leggi anche ->La Nasa dichiara: “Uniti con Trump per la difesa del pianeta Terra”

Russia attaccata per i test missilistici anti satellite

Raymond fa inoltre presente come la Russia abbia ampiamente criticato la scelta degli Usa di creare una space force: “Il test è una prova ancora più chiara di come la politica ipocrita della Russia sul controllo delle armi sia tesa a limitare le capacità degli Stati Uniti, mentre è chiaro che non abbia intenzione di porre fine al suo programma di contraerea spaziale”.

Secondo quanto riferito dagli Usa, i russi starebbero usando un dispositivo mobile per lanciare i missili. Questo gli permetterebbe di evitare che possa essere facilmente attaccato. Tra le polemiche sorte c’è quella riguardante i detriti causati da questi test. Pare infatti che come bersaglio abbiano usato una stazione in disuso che è rimasta in orbita. La preoccupazione è che i detriti generati dalle esplosioni possano creare problemi ad altri satelliti e ad eventuali shuttle in partenza dalla terra.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!