Coronavirus, la pratica dell’ossigeno ozono-terapia dà buoni risultati: l’appello dei medici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:04

motore che consente al virus di moltiplicarsi

Ci sarebbe un  trattamento che darebbe dei risultati contro il Coronavirus: l’ossigeno ozono-terapia. A quanto pare, però, non viene presa in considerazione da tutti

Esiste una terapia che starebbe dando dei buoni risultati contro il Coronavirus. Si tratta dell’ossigeno ozono-terapia e sembra proprio che diversi ospedali italiani si stiano adoperando per curare i pazienti seguendo le possibilità offerte da questo ulteriore trattamento. La terapia in questione viene già applicata negli ospedali di Pavia, Bergamo, Brescia Napoli e Palermo. Sembra, però, che non tutti credano alle potenzialità dell’ossigeno ozono-terapia.

L’ossigeno ozono-terapia contro il Coronavirus, ecco come funziona

Contro il Coronavirus i medici hanno a disposizione un’altra arma: quella fornita dall’ossigeno ozono-terapia. Secondo quanto riportato dai media, pare che i pazienti trattati tramite l’applicazione di questa terapia migliorino sensibilmente e addirittura si potrebbe evitare l’ingresso di molti in terapia intensiva, qualora si intervenisse nella fase iniziale della malattia.

Ma come funziona l’ossigeno ozono-terapia? Si tratta di una miscela che viene immessa nel sangue dei pazienti, tramite apposite strumentazioni mediche, e che ha sia un effetto antivirale sia un effetto antinfiammatorio e antotrombotico.

All’ozono il compito di impedire la “tempesta citochinica” responsabile dei microtrombi che sono stati trovati nei polmoni (ma anche nel cervello e nel fegato) dei pazienti che sono purtroppo deceduti. L’ozono contrasterebbe anche l’ipossiemia (diminuzione dell’ossigeno nel sangue) causata dal Covid-19.

Come riporta La Stampa, il problema legato a questa terapia sta nel fatto che non tutti paiono disposti a metterla in pratica.

L’ossigeno ozono-terapia contro il Coronavirus, parla Ettore Giugiaro

La Stampa ha riportato le parole di Ettore Giugiaro, docente di ossigeno ozono-terapia presso l’Associazione Italiana di Medicina Funzionale, che ha lamentato lo scarso interesse mostrato da chi invece potrebbe servirsi del trattamento:

Da tre settimane io e molti altri medici ci stiamo offrendo come volontari per praticare questa terapia anche nel Torinese, ma raccogliamo scarso interesse. Siamo frustrati perché sembra difficile parlare con chi può prendere la decisione di agire in tal senso. Qualche giorno fa abbiamo contattato l’unità di crisi e ci hanno detto di mandare una mail spiegando quello che volevamo fare, è davvero avvilente“.

A questo link è possibile leggere la dichiarazione completa rilasciate da Ettore Giugiaro.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!