Coronavirus, lo strano caso di Bianca Dobrou: paziente 1 di Bologna, positiva da 60 giorni

Si chiama Bianca Dobroiu, ha oltre 17mila follower su Instagram, ha partecipato nel 2017 a Ciao Darwin (così scrive sul suo profilo) e fa la modella.

Ma non scriviamo di lei per la sua beltà o per il suo mestiere, bensì perché la giovane – 22 anni – è la paziente 1 del focolaio di Bologna del coronavirus.

La ragazza, di origini rumene, era stata ricoverata con sintomi gravi (difficoltà respiratorie, febbre a 41 e tosse) a fine febbraio, risultando positiva al tampone.

Fortunatamente, le condizioni della giovane sono migliorate rapidamente e dopo una decina di giorni è stata dimessa e rimandata a casa in isolamento preventivo.

Adesso, a due mesi circa dal primo tampone risultato positivo, le cose non sono cambiate: nonostante stia bene, i tamponi continua a risultare positivi (è lei stessa a raccontarlo con assoluta serenità attraverso le stories di Instagram).

Queste le sue parole in una delle stories: “I sintomi sono spariti del tutto, ma purtroppo il virus non sparisce. Sono positiva da 60 giorni, ma non è colpa mia. Sto in casa, non mi muovo e sto bene. Non ho più alcun sintomo, riesco anche a fare attività fisica, ma continuo a risultare positiva ai tamponi”.

Bianca è quindi ancora costretta all’isolamento casalingo, in quello che può essere considerato a tutti gli effetti un caso pressoché unico (detto che – anche Le Iene lo hanno mostrato – anche in altri casi la positività al virus è stata riscontata parecchio tempo dopo il primo tampone).

Intanto su Instagram fioccano i commenti in relazione alla situazione Bianca, tra chi esprime appoggio e chi polemizza:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bianca Dobroiu (@dobroiubianca) in data: