Il portiere leggendario della nazionale inglese e un terribile infortunio all’inizio dei ’90: il racconto durante un podcast

Durante una puntata del podcast del sito ‘The Athletic’, il leggendario portiere David Seaman – icona del calcio anni ’90, anche per il suo look tutt’altro che metrosessuale – ha raccontato di un terribile incidente avvenuto all’inizio degli anni ’90, quando già vestiva la casa dell’Arsenal.

In un match fuori casa contro il Leeds, il giocatore dei padroni di casa Lee Chapman calpestò il portiere dei Gunners con i tacchetti, andandolo a colpire nello scroto: quando si dice una rottura di palle.

Un membro dello staff medico entrò in campo per ricucirgli lo scroto dopo che il giocatore scozzese del Leeds Gordon Strachan lo aveva preso in giro pensando simulasse, nonostante Seaman si stesse contorcendo dal dolore sul prato dell’Elland Road.

Questo il racconto dell’orrore di Seaman, oggi 56enne: “Ero in una situazione del genere e ho Gordon Strachan che mi viene in faccia mentre sono steso a terra, e mi grida: Alzati, fighetta del sud”.

“In primo luogo, ero più offeso dall’essere chiamato meridionale”.

“Quindi, mentre spostavo i miei pantaloncini, c’era molto sangue sulle mie mutande, intorno alla zona che puoi immaginare. A quel punto Gordon cambiò: Oh, scusa, grande uomo”.

“Poi è arrivato un medico a controllarmi: quello che era realmente accaduto era che i tacchetti di Chapman erano entrati nel mio scroto“.

David Seaman ha quindi raccontato di essere stato ricucito durante l’intervallo e di aver giocato il secondo tempo nonostante il forte dolore.

Calcio di altri tempi con veri uomini pronti a giocare nonostante condizioni che avrebbero fermato chiunque altro nei tempi moderni.