Coronavirus, il vaccino non ci sarà? I lockdown potrebbero diventare costanti. Parla l’esperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
David Nabarro

Scienziati di tutto il mondo stanno lavorando alacremente alla creazione di un vaccino che sia capace di contrastare il Coronavirus. E se il vaccino non venisse mai sviluppato? Ecco lo scenario paventato da David Nabarro

David Nabarro, in forze come professore di Salute Globale presso l’Imperial College di Londra e inviato dell’OMS, ha affermato che non c’è certezza assoluta sullo sviluppo di un vaccino contro il Coronavirus. Questo significa che tra gli scenari che si stanno considerando ce n’è anche un altro da tenere presente: quello che non vedrà mai la creazione di un vaccino efficace. Cos’accadrebbe se questa ipotesi si concretizzasse? Che saremmo costretti a convivere con il Covid-19 e abituarci a vedere i blocchi come la nostra nuova normalità.

Il vaccino sul Coronavirus potrebbe non esistere mai? I dubbi della comunità scientifica

Le ricerche sul vaccino anti Covid-19 proseguono, ma in questi giorni sembra essere lo scetticismo a farla da padrone. Scetticismo preoccupante perché arriva da persone vicine a quegli studiosi che si stanno prodigando per cercare di contrastare il virus.

Ci sono degli scienziati che temono si possa arrivare a non sperimentare mai un vaccino efficace. Secondo quanto rivelato da Business Insider, Cristopher Whitty (Chief Medical Officer) ha parlato venerdì dinanzi a una commissione parlamentare inglese e ha spiegato che esistono delle prove preoccupanti riguardanti l’immunità: pare che aver contratto il virus ed essere guariti non renda immuni per lungo tempo, e infatti ci sono evidenze di persone che dopo aver superato l’infezione si sono riammalate.

A questo si vanno ad aggiungere le parole pronunciate dal dottor David Nabarro, che ha paventato la possibilità che potremmo non avere un vaccino a disposizione. E questo non per qualche mese ancora, ma per sempre. Questo significa che dovremo convivere col virus e che ci dovremo abituare a periodi di blocco e quarantena. Vediamo, allora, da dove arrivano queste paure che stanno serpeggiando tra la comunità scientifica.

Il vaccino sul Coronavirus potrebbe non esistere mai? Le parole di David Nabarro

Nabarro ha spiegato il perché di questa sua convinzione ai microfoni della CNN:

Ci sono alcuni virus contro i quali non abbiamo ancora vaccini. Non possiamo dare per scontato che un vaccino appaia o, in tal caso, che superi tutti i test di efficacia e sicurezza. Abbiamo grandi speranze, e poi capita che queste speranze vengano deluse. Abbiamo a che fare con sistemi biologici, non con sistemi meccanici. Dipende molto da come reagisce il corpo. ”

Alle sue parole si affiancano quelle di Whitty, il quale crede che comunque si possa tentare la via di un vaccino parzialmente efficace:

Possono esistere vaccini che non riescono a fornire elevati livelli di immunità, ma che proteggono le persone al punto da non farle ammalare gravemente. Potremmo quindi ottenere un vaccino che è un po’ meno efficace, pur restandolo in modo sufficiente, al punto che se vaccinassimo tutti quando c’è ancora un elevato livello di mortalità potremmo in ogni caso riuscire a ridurre in modo massiccio i decessi, anche in presenza di infezioni naturali”.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!