Coronavirus, il Covid-19 verrà sconfitto entro giugno? Parla l’infettivologo Matteo Bassetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:27

In un’intervista che l’infettivologo Matteo Bassetti ha rilasciato ai microfoni di Libero Quotidiano il professionista ha parlato del Coronavirus e delle sue previsioni per l’estate. Cosa succederà?

Matteo Bassetti, Direttore della clinica di malattie infettive presso l’Ospedale San Martino di Genova, ha parlato di Coronavirus e lo ha fatto nel corso di un’intervista realizzata da Libero Quotidiano. Analizzando i dati attuali quello che si evince è che il virus ha perso velocità di trasmissione rispetto a quanto fatto registrare nel mese di marzo. Cosa ci aspetta nei prossimi mesi? E a questo calo della velocità di trasmissione corrisponde un calo della sua forza? Non lo sappiamo, ma ci sono altre riflessioni che il Direttore è stato in grado di fare.

Intervista a Matteo Bassetti: “Con i dati che abbiamo oggi possiamo pensare alla ripartenza”

È evidente che siamo in una fase di discesa della curva. Tra metà maggio e inizio giugno dovremmo poter considerare concluso questo focolaio epidemico”.

Lo ha detto Matteo Bassetti (Ospedale San Martino di Genova) nel corso di un’intervista raccolta da Gianluca Veneziani per Libero Quotidiano. La domanda posta dal giornalista riguarda l’indice R0 (l’indice di contagio del Coronavirus) attualmente sceso sotto il valore 1. Parole molto confortanti, quelle del professionista: parole che ci fanno ben sperare per i prossimi mesi.

Il risultato positivo, secondo lui, è stato raggiunto specialmente grazie al distanziamento sociale. Adesso si dovrà porre l’attenzione sui farmaci, verificando di volta in volta quale- tra due- possa funzionare meglio contro il Covid-19. tutto questo dovrà essere fatto ascoltando l’opinione di anestesisti, medici, rianimatori: tutti coloro i quali hanno combattuto negli ospedali guardando il virus in faccia.

E riguardo alla chiusura delle attività economiche? Per Matteo Bassetti, con questi dati alla mano, si può ripartire. Ovviamente diversificando da regione a regione, a seconda della situazione fatta registrare da un territorio a un altro e tenendo d’occhio quanto fanno gli altri Paesi.

Intervista a Matteo Bassetti, il Remdesivir funziona: a Genova cinque pazienti trattati col farmaco anti-Ebola e guariti

Quando si vuole regolamentare troppo, si rischia di entrare in contraddizione.Bisognerebbe dare delle regole generali, non disciplinare ogni attività. Basterebbe dire: c’ è bisogno di un tot di metri di distanza in qualsiasi luogo, che sia una chiesa o un supermercato non importa”, dice ancora Bassetti riferendosi alle misure prese dal Governo. Si evidenzia, cioè, la necessità di ricevere degli imput generali, da applicare poi caso per caso ed evitando di creare confusione citando degli esempi specifici su alcune attività piuttosto che su altre.

Matteo Bassetti, che tra l’altro è tra i primi medici italiani ad aver sperimentato il Remdesivir (farmaco anti-Ebola) nella cura del Covid-19, ha parlato anche delle conclusioni raggiunte dalla Cina sulla scarsa efficacia di questo farmaco: conclusioni che arrivano da uno studio – secondo il medico- mediocre. A Genova, ha specificato il direttore, i cinque pazienti sottoposti a somministrazione di Remdesivir sono tutti guariti. Promosso, invece, il lavoro che sta portando avanti il team di Anthony Fauci.

A questo link è possibile leggere l’intervista integrale dall’infettivologo.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!