Denuncia le scarse misure di sicurezza nell’ospedale russo e cade dalla finestra: è il terzo caso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Destano clamore i casi di medici precipitati misteriosamente dalle finestre degli ospedali russi, pochi giorni fa è stato registrato il 3° episodio.

Lo scorso fine settimana nell’ospedale della città di Voronezh si è verificato un misterioso incidente. Uno dei medici, Alexander Shulepov, è precipitato dalla finestra del secondo piano ed ha riportato gravi lesioni alla testa. Adesso il medico si trova ricoverato nello stesso ospedale in cui lavora ed in cui si stava occupando di curare i pazienti affetti da Covid-19.

Leggi anche ->Coronavirus, timori cinesi per una seconda ondata di contagi: città al confine con la Russia in lockdown

Ciò che rende sospetto l’incidente del 37enne medico russo, è che nei giorni precedenti aveva denunciato attraverso dei video pubblicati in rete la mancanza di forniture protettive e l’obbligo di lavorare nonostante fosse stato infettato dal virus. Per quelle dichiarazioni era finito sotto indagini con l’accusa di aver diffuso una fake news. Successivamente aveva anche pubblicato un secondo video in cui si mostrava mentre riceveva un trattamento per il Coronavirus e ritrattava le precedenti dichiarazioni.

Leggi anche ->Coronavirus, ora agisce anche la Russia. Ecco le misure economiche annunciate da Putin

Medico precipita dalla finestra dell’ospedale: il 3° caso in pochi giorni

Sono in molti, quelli che sospettano che il medico sia stato costretto a ritrattare e che l’incidente possa essere non del tutto casuale. Il sospetto nasce anche dal fatto che non è il primo caso di dottore che precipita misteriosamente da una finestra dopo aver denunciato carenze nelle misure di sicurezza. Prima di Alexander, infatti, due dottoresse sono precipitate dalle finestre e sono decedute nell’impatto. Pare che anche loro si fossero lamentate con il supervisore per la mancanza di mascherine nei reparti. Se nel caso di Alexander sono giunte le smentite del direttore del reparto, dopo la morte delle due dottoresse i colleghi hanno confermato la scarsità di dispositivi di protezione individuale.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!