Calabrone gigante uccide ratto, le immagini del roditore agonizzante preoccupano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:06

Un video che mostra la lotta tra un calabrone gigante ed un roditore preoccupano gli apicoltori e non solo degli Stati Uniti.

Di recente sul web è apparso un video che mostra una feroce lotta tra un roditore ed un calabrone gigante. Quest’ultimo è un insetto originario dell’Asia che è conosciuto anche come “Calabrone killer” per via della neurotossina che inocula attraverso il pungiglione. Il veleno contenuto nel corpo di questo insetto, infatti, è in grado di causare sia uno shock anafilattico che un arresto cardiaco. Stiamo parlando, inoltre, di un insetto che è grande più del doppio di una comune ape e che non muore ogni qualvolta punge la propria preda.

Leggi anche ->Palermo, operaio della forestale muore in servizio: è stato punto da un calabrone

Secondo alcune statistiche, questi pericolosi e spaventosi insetti, uccidono all’incirca 50 persone l’anno. Ciò che desta maggiore preoccupazione, però, è il fatto che hanno la tendenza a sterminare le api e quindi possono causare un grave danno all’intero ecosistema. Da qualche anno a questa parte i calabroni giganti sono stati avvistati in Canada e negli Stati Uniti d’America, ma nessuno è in grado di spiegare come vi siano arrivati.

Leggi anche ->Ecosistemi a rischio: la vespa gigante asiatica sta causando milioni di danni in Europa

Calabrone gigante avvelena e uccide un topo dopo uno scontro

Nel filmano di cui sopra -probabilmente girato con uno smartphone – si vede l’insetto che attacca alla schiena il povero topo e questo che cerca disperatamente di scrollarselo di dosso. In un primo momento il roditore riesce ad afferrarlo e cerca di spingerlo via, ma questo vola via e lo riattacca dal fianco, pungendolo svariate volte, fino a che non lo uccide. Una scena cruda che dimostra con terrificante efficacia il tipo di pericolo che un simile insetto rappresenta se dovesse attaccarvi.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!