Coronavirus, il Governo inglese pensa a multe per i datori di lavoro irresponsabili: sicurezza non garantita ai lavoratori

Multe salate per quei datori di lavoro che metteranno i loro dipendenti nelle condizioni di non lavorare in sicurezza. Ecco le misure pensate dal Governo inglese per chi non rispetta le norme sul Coronavirus

I datori di lavoro sono ovviamente chiamati a far rispettare le norme emanate in senso anti-Coronavirus e a mettere i propri dipendenti in condizioni tali da consentire la salvaguardia delle loro condizioni di salute. Il Governo inglese sta pensando a una serie di sanzioni pecuniarie da comminare a tutti i datori di lavoro che non forniranno adeguata protezione ai dipendenti sul posto i lavoro. Lo ha fatto sapere il Segretario alla Salute Matt Hancock.

Multe per i datori di lavoro incauti, Matt Hancock: “Pensiamo a sanzioni per chi non rispetterà le misure anti-Coronavirus”

In Gran Bretagna c’è paura per i lavoratori. Si iniziano ad allentare le restrizioni un po’ in tutti i Paesi europei, anche se il timore di una potenziale seconda ondata di contagi rimane alta. Oltremanica c’è apprensione, dunque, per tutti quei lavoratori che rischiano di doversi recare a lavoro senza che venga loro garantita un’adeguata protezione contro il Coronavirus. I datori di lavoro potrebbero fare i “furbi” e non rispettare le misure che sono state pensate  dal Governo per la riapertura delle attività commerciali o d’ufficio.

Matt Hancock (Segretario alla Salute) ha rivelato che il Governo ha pensato a un pacchetto di sanzioni economiche da comminare ai trasgressori. Il Segretario ha rivelato i piani del Governo nel corso di un’apparizione su Sky News e ha spiegato che i sindacalisti sono stati chiamati a elaborare- di concerto con il Governo- delle misure che consentano il giusto distanziamento interpersonale.

Multe per i datori di lavoro incauti, i monito del Trades Union Congress

Il Trades Union Congress (TUC) ha rilasciato una dichiarazione che autorizza i lavoratori a rimanere a casa nel momento in cui questi si rendano conto che sul luogo di lavoro non sarebbero adeguatamente tutelati. Lo ha detto il Segretario Generale Frances O’Grady:

Senza un grande intervento del Governo, quando il blocco si allenterà  i cattivi capi saranno in grado di esporre i loro lavoratori – e tutti noi-  alle infezioni senza paura delle conseguenze. Qualsiasi misura che non si riesca a garantire avrà un impatto sui tassi di infezione nelle aree in cui i lavoratori si trovano. Questa è la ragione per cui i Ministri devono richiedere a tutti i datori di lavoro con più di cinque dipendenti di andare oltre e pubblicare la loro valutazione del rischio e un piano d’azione sul proprio sito Web e sul portale governativo“.

Maria Mento