Si avvicina a un coccodrillo per tentare di toccarlo, la donna è stata sbranata dal rettile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:44

Cynthia Covert (57 anni) è morta sbranata da un alligatore. La donna si era avvicinata all’animale, che nuotava in un lago della South Carolina, con l’intenzione di accarezzarlo

Tragedia in South Carolina, nella giornata di venerdì 1 maggio 2020. Una donna di 57 anni di nome Cynthia Covert è deceduta dopo essere stata aggredita da un alligatore. La donna, che si trovava in visita presso un’amica che vive sull’isola di Kiawah, ha visto l’animale mentre il predatore nuotava nelle acque di un lago e ha deciso di entrare in acqua per avvicinarlo e accarezzarlo. A nulla sono serviti i tentativi di dissuasione messi in atto dalla sua amica per convincerla ad allontanarsi.

Donna sbranata dall’alligatore che voleva accarezzare, è successo sull’isola di Kiawah

Una donna di 57 anni è stata uccisa da un coccodrillo. È successo sull’isola di Kiawah (South Carolina, Stati Uniti d’America), circa una settimana fa. La donna defunta, venerdì scorso, si era recata a trovare un’amica. Un weekend che sarebbe dovuto essere sereno e da trascorrere in compagnia è stato invece funestato da un’immane tragedia, tranquillamente evitabile.

Secondo la ricostruzione dei fatti fornita da Il Messaggero, pare che tutto sia iniziato mentre la donna si trovava in casa, al sicuro. Dalla finestra della sua camera Cynthia avrebbe visto l’alligatore e- affascinata da quella visione- avrebbe iniziato a scattare fotografie. Ma, a quanto pare, la donna non si è accontentata ed è voluta uscire fuori, per andare a vederlo da vicino.

Cynthia Covert non si è accontentata di osservare da lontano i movimenti dell’alligatore: ha voluto immergersi nelle acque del lago, per avvicinarlo il più possibile. La sua amica ha assistito a tutta la scena e ha iniziato a urlare chiedendole di uscire dall’acqua perché l’animale era molto pericoloso e qualche giorno prima aveva anche sbranato un cervo La 57enne, sprezzante del pericolo, avrebbe fatto la considerazione ironica  “Non ho l’aspetto di un cervo”.

Pochi istanti dopo la donna è stata catturata dall’alligatore. Non è morta immediatamente e i soccorritori hanno provato a salvarle la vita, purtroppo inutilmente.

Donna sbranata dall’alligatore che voleva accarezzare, Cynthia Covert è morta annegata

L’amica della vittima ha allertato i soccorritori. Una volta giunti sul posto si sono resi conto che la donna era ancora viva e che avrebbero potuto essere salvata; così, le hanno lanciato una corda alla quale aggrapparsi per essere tirata su. E in effetti tutto sembrava volgere al meglio: Cynthia ha parlato con i soccorritori e ha anche espresso il suo pentimento per il suo gesto sconsiderato (“Immagino che non lo farò più” sono state le sue ultime parole), ma a quel punto l’alligatore l’ha ritrascinata sott’acqua.

Questo secondo attacco le è stato fatale e circa quindici minuti dopo il suo corpo privo di vita è stato visto galleggiare sulle acque. L’alligatore e le aveva strappato una gamba e la teneva ben stretta tra le fauci. Il rettile è stato poi ucciso con un colpo di pistola alla testa.

L’esame del medico legale sul corpo di Cynthia Covert ha stabilito che la donna è morta per annegamento e che solo dopo il decesso l’animale aveva iniziato l’operazione di smembramento.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!