Coronavirus, se la Serie A non riparte Ultras pronti a scendere in piazza: l’allarme

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

La ripresa del campionato di calcio è tutt’altro che certa e così il mondo ultras si divide.

Una parte dei tifosi sarebbe tutt’altro che favorevole alla ripresa del campionato (ad esempio i tifosi della Roma. Gli ultras di Brescia a fine marzo dichiaravano attraverso comunicato stampa: “all’eventuale ripresa del campionato e riapertura degli stadi, non torneremo a tifare sugli spalti in osservanza di un doveroso rispetto per tutti coloro che stanno soffrendo in questo drammatico periodo”) ma ci sarebbero gruppi pronti anche a scendere in piazza per chiedere la ripresa delle competizioni.

L’allarme è arrivato attraverso un report dell’Organismo di Monitoraggio delle infiltrazioni criminali nell’ambito dell’emergenza Covid, riportato parzialmente dall’Ansa.

“Evidenze investigative attestano lo studio, da parte di alcune tifoserie, di iniziative di contestazione, anche di piazza, nel caso di prosieguo del blocco dei campionati”.

Per questo motivo bisognerà tenere alta la guardia: “le risorse impiegate devono essere se possibile rafforzate: il tempo che passa aumenta le possibilità che questo tipo di propaganda e proselitismo in qualche modo abbia un seguito”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!