Coronavirus, il Regno Unito supera l’Italia per numero di decessi. Tutti contro il governo Johnson

boris Johnson coronavirus morti Il Regno Unito ha superato l’Italia nel numero di morti per coronavirus. 

Un sorpasso che ha scatenato il dibattito all’interno del Paese, con l’opinione pubblica ormai convinta che l’emergenza sanitaria non sia stata gestita nel migliore dei modi dal governo di Boris Johnson.

E per la prima volta da Downing Street non si esclude la possibilità di una commissione d’inchiesta per valutare la risposta governativa all’emergenza coronavirus e le eventuali lacune.

A livello globale, il numero di morti per Covid-19 nel Regno Unito è secondo solo a quello degli Stati Uniti. Cifre che stanno dando ragione a coloro che hanno criticato l’azione governativa fin dal primo giorno, come riporta anche l’ANSA.

Molte le carenze imputate al governo britannico 

Tracciamento dei contagi “sospeso”, mancanza dei dispositivi di protezione per gli operatori sanitari, test effettuati troppo in ritardo: sono tante le mancanze che vengono imputate all’esecutivo guidato da Boris Johnson.

“In ogni momento siamo stati guidati da un solo principio: salvare le vite umane e proteggere il sistema sanitario nazionale – le parole del primo ministro nel suo primo Question Time alla Camera dei Comuni dopo la malattia – Verrà il tempo per valutare le decisioni che abbiamo preso e se avremmo potuto prenderne di diverse”, aprendo di fatto alla possibilità di una commissione d’inchiesta.